Sindrome da anticorpi antifoslipidi

sindrome-da-anticorpi-antifoslipidi

La sindrome antifosfolipidica, nota anche come sindrome di Hughes, è un disordine del sistema di difesa dell’organismo (sistema immunitario) caratterizzato da episodi di trombosi (formazione di coaguli all’interno dei vasi sanguigni), aborti ripetuti (perdita del feto) e ridotta quantità di piastrine nel sangue (piastrinopenia).

È una malattia autoimmune. Ciò significa che il sistema immunitario, che normalmente protegge l’organismo da infezioni e malattie, attacca i propri tessuti sani producendo degli anticorpi anomali, denominati anticorpi antifosfolipidi che interferiscono con la coagulazione.

Le persone colpite dalla sindrome di Hughes possono sviluppare infatti:

  • trombosi venosa profonda,
  • trombosi arteriosa, che può causare:
    • ictus o attacco cardiaco
    • e coaguli cerebrali, con conseguenti problemi di equilibrio, di mobilità, di visione, di parola e di memoria.

Alimentazione

La prima indicazione è seguire una dieta sana e bilanciata, a basso contenuto di grassi e zuccheri e contenente molta frutta e verdura.

Alcuni alimenti e farmaci possono interagire con le terapie anticoagulanti; quindi, è bene che i malati consultino il proprio medico in merito al consumo di:

  • vitamina K, poiché può ridurre l’efficacia della warfarina. Evitare di consumare grandi quantità di cavoli, spinaci, lattuga, broccoli, cavolini di Bruxelles, prezzemolo, senape e soia;
  • succo di mirtillo e alcol, poiché possono aumentare pericolosamente l’effetto anticoagulante della warfarina;
  • alcuni farmaci, vitamine e prodotti a base di erbe, poiché possono interagire pericolosamente con la warfarina. Includono, tra i farmaci e integratori, antidolorifici, anticongestionanti, multivitaminici, integratore di ginkgo; mentre, tra gli alimenti, aglio e prodotti a base di tè verde.

Stile di vita

  • Non fumare;
  • svolgere regolare esercizio fisico;
  • mantenere un giusto peso corporeo.

Si dovrebbero anche evitare i farmaci contenenti estrogeni, come la pillola contraccettiva orale combinata, e la terapia ormonale sostitutiva. Questi medicinali hanno la capacità di aumentare il rischio di avere un coagulo di sangue.

Inoltre, ulteriori precauzioni da prendere durante la cura con anticoagulanti includono:

  • evitare sport di contatto o altre attività che potrebbero provocare lividi o lesioni
  • usare uno spazzolino morbido e il filo interdentale cerato
  • radersi con un rasoio elettrico
  • prestare particolare attenzione quando si usano coltelli, forbici o altri strumenti taglienti
Sei un operatore della salute?