Nutrizione ed evidenze scientifiche

La conoscenza delle evidenze scientifiche consolidate permette la decisione clinica più appropriata.
nutrizione-evidenze-scientifiche

La pratica della nutrizione basata sull’evidenza si attua attraverso l’uso delle migliori evidenze nutrizionali disponibili, insieme all’esperienza clinica, per lavorare coscienziosamente con i valori e le preferenze dei pazienti. Questo per aiutarli a prevenire (a volte), risolvere (a volte) o affrontare (spesso) problemi correlati alla loro salute fisica, mentale e sociale.

Sono 3 i principi fondamentali della pratica basata sull’evidenza applicata al campo della nutrizione clinica.

  1. Il processo decisionale clinico ottimale richiede la consapevolezza delle migliori evidenze disponibili, che idealmente deriveranno da sommari sistematici imparziali di tali prove.
  2. La nutrizione basata sull’evidenza fornisce una guida su come decidere quale evidenza sia più o meno degna di fiducia, ovvero quanto possiamo essere certi della prognosi, della diagnosi o delle opzioni terapeutiche deI paziente.
  3. Le prove da sole non sono mai sufficienti per prendere una decisione clinica. I decisori devono sempre scambiare i benefici con i rischi, l’onere e i costi associati a strategie di gestione alternative e, nel fare ciò, considerare la situazione unica dei loro pazienti, compresi i loro valori e preferenze.

La nutrizione basata sulle evidenze

Si ritiene che la nutrizione svolga un ruolo fondamentale nella prevenzione, nel trattamento e nella prognosi delle malattie sia acute che croniche.

Il campo dell’epidemiologia nutrizionale, nato dall’epidemiologia e da altri campi della salute pubblica, è stato negli ultimi decenni il fondamento della ricerca nutrizionale e ha avuto un’influenza importante sulla pratica dei dietisti e dei consigli dietetici a livello globale.

La medicina, tuttavia, ha spesso trascurato il ruolo dell’alimentazione nella prevenzione e nella gestione delle malattie per una serie di ragioni, tra cui la carenza di un’adeguata educazione nutrizionale, la mancanza di compensazione monetaria per i consigli nutrizionali e perché gran parte dell’attuale pratica medica ruota intorno assistenza farmaceutica e orientata alla procedura.

La nutrizione non è un obiettivo principale durante la formazione medica ed è spesso ignorata nella pratica medica a parte campi come il diabete e l’insufficienza renale, in cui l’assistenza nutrizionale è un pilastro del trattamento.

Ulteriori ostacoli possono comprendere le percezioni dei medici sull’efficacia e l’adesione ai consigli nutrizionali.
Sebbene gli interventi nutrizionali possano potenzialmente offrire alternative sicure ed economiche agli interventi farmaceutici e chirurgici per la prevenzione e la gestione di problemi cronici di salute come l’obesità e il diabete di tipo 2, i clinici possono essere male informati sulle migliori evidenze disponibili.

Di fatto, i risultati non filtrati nella scienza nutrizionale fanno ripetutamente notizia; tuttavia, i titoli sembrano spesso contraddirsi l’un l’altro.

Un esempio recente include uno studio clinico randomizzato (RCT) di 148 partecipanti pubblicato negli Annals of Internal Medicine, il quale ha riportato che le diete a basso contenuto di carboidrati erano superiori alle diete a basso contenuto di grassi per la perdita di peso.

Un secondo studio, una meta-analisi di rete di 48 RCT, per un totale di 7286 partecipanti, è stato pubblicato solo 1 giorno dopo sul Journal of American Medical Association e ha dimostrato che le prove attuali mostrano una differenza molto piccola nella perdita di peso con le diete a basso contenuto di carboidrati vs le diete ipolipidiche.

Ulteriori esempi di risultati di studi notevolmente diversi provengono dai risultati di numerosi studi sugli integratori alimentari per la prevenzione delle principali malattie cardiovascolari. I primi studi osservazionali hanno suggerito che l’integrazione di vitamina E ha ridotto la morte cardiovascolare. Inoltre, un RCT relativamente ampio di partecipanti del 2002 ha confrontato la vitamina E con il placebo e ha riscontrato una riduzione del rischio relativo statisticamente significativa del 47% nella morte cardiovascolare e infarto miocardico non fatale con integrazione di vitamina E. Tuttavia, un successivo RCT più ampio di 9541 partecipanti che assumevano vitamina E vs placebo non ha trovato alcuna differenza nell’infarto del miocardio e nella morte per cause cardiovascolari, e una meta-analisi e meta-regressione, inclusi 135.967 pazienti che hanno partecipato a 19 studi randomizzati, hanno riferito che la vitamina E non solo non riduce la mortalità ma può anche aumentare la mortalità se somministrata ad alte dosi.

Più recentemente, l’integrazione con omega 3 ha dimostrato risultati discrepanti tra studi osservazionali e meta-analisi di RCT tra pazienti ad alto rischio di eventi cardiovascolari maggiori, come è avvenuto con la vitamina D per prevenire il cancro e le malattie cardiovascolari.

Sei un operatore della salute?

ULTIME NOTIZIE