Disordini della tiroide

I disordini della tiroide sono patologie che comportano alterazioni di funzioni importanti dell’organismo governate dalla ghiandola stessa.
disordini-tiroide

La tiroide è una piccola ghiandola posta alla base del collo davanti alla trachea. Controlla molte funzioni dell’organismo attraverso la produzione degli ormoni tiroidei: tiroxina (T4) e triiodiotironina (T3).
La produzione degli ormoni tiroidei è, a sua volta, controllata dall’ormone tireostimolante (TSH) secreto dall’ipofisi, un’altra ghiandola posta in mezzo al cranio. Gli ormoni tiroidei regolano
importanti funzioni dell’organismo
, tra cui: la respirazione, il battito cardiaco, la temperatura
corporea, lo sviluppo del sistema nervoso centrale e la crescita corporea.

In linea generale, secondo le stime attuali, le donne sono molto più soggette alle malattie tiroidee rispetto agli uomini.

Ipertiroidismo

L’ipertiroidismo è una condizione di aumento della produzione degli ormoni tiroidei, che causa una serie di sintomi, quali:

  • nervosismo,
  • ansia,
  • iperattività,
  • perdita di peso,
  • battito cardiaco rapido o irregolare.

La forma più comune di ipertiroidismo è il morbo di Basedow-Graves, una malattia autoimmune che può colpire a qualsiasi età.

Ipotiroidismo

Quando invece la tiroide non produce abbastanza ormoni tiroidei si verifica una condizione chiamata ipotiroidismo. L’ipotiroidismo raramente provoca disturbi, ma se non curato a lungo andare può causare una serie di problemi di salute, come:

  • obesità,
  • dolori articolari,
  • infertilità,
  • malattie cardiache.

Possono soffrire di ipotiroidismo sia uomini che donne, anche se è più comune tra le donne, soprattutto al di sopra dei 60 anni di età. Se l’ipotiroidismo si manifesta nel feto, in genere per difetti di sviluppo della tiroide, causa grave ritardo mentale e della crescita (cretinismo).

Noduli

La malattia tiroidea più frequente è costituita dai noduli, piccole formazioni solide o piene di liquido che si formano all’interno della ghiandola. I noduli sono quasi sempre formazioni benigne
e solo nello 0,3% dei casi hanno caratteristiche di malignità (tumori della tiroide).

Gozzo
Un’altra malattia della tiroide è il gozzo. Per gozzo si intende un aumento del volume complessivo della tiroide, che può variare da persona a persona: nella maggior parte dei casi è piccolo e non causa alcun sintomo ma, se il volume della tiroide aumenta in modo significativo, possono verificarsi disturbi della respirazione e della deglutizione.

Ci sono due tipi principali di gozzo:

  1. gozzo diffuso, quando l’intera tiroide è aumentata di volume e la sua superficie è liscia alla palpazione;
  2. gozzo nodulare, quando si sviluppano noduli solidi o pieni di liquido all’interno della tiroide, rendendone la superficie irregolare alla palpazione.

Tumori

Rari sono i casi di tumori della tiroide, dovuti a una crescita anomala di un gruppo di cellule, e possono essere sia benigni che maligni (in questo caso si parla più propriamente di cancro). È importante ricordare che un nodulo alla tiroide non è necessariamente un tumore. Circa solo 1 nodulo su 20 è tumorale. Inoltre, i tumori della tiroide sono a lenta crescita e poco aggressivi, tanto da rimanere, spesso, silenti senza dare segni per tutta la vita.

Tiroidite

La tiroidite è un disturbo della tiroide caratterizzato da infiammazione, che può causare livelli anormali (alti o bassi) di ormoni tiroidei nel sangue.

L’origine della tiroidite può essere molto varia a seconda della tipologia:

  • alcune sono di origine autoimmune (tiroidite di Hashimoto),
  • altre di origine virale (tiroidite di De Quervain),
  • altre ancora di origine batterica (tiroidite acuta).
Sei un operatore della salute?