La dieta antiaging è la mediterranea!

Lunga vita ai telomeri
dieta personalizzata

I telomeri sono strutture nucleoproteiche dinamiche specializzate che mantengono l’integrità strutturale dei cromosomi. Alla nascita, i telomeri umani hanno una lunghezza (TL) che va da 10 a 15 kilobasi, con una sostanziale eterogeneità interindividuale. Si accorciano con l’età a causa della replicazione incompleta delle estremità del DNA con ogni divisione cellulare. In media, i telomeri umani perdono da 50 a 100 paia di basi per divisione mitotica , limitando così la capacità replicativa della cellula. Una volta che i telomeri si riducono ad una lunghezza critica, la cellula incontra un blocco di proliferazione dove cessa di dividere (senescenza cellulare) o subisce la morte cellulare programmata (apoptosi).

I telomeri sono quindi l’orologio biologico che misura la durata di vita di una cellula e di un organismo.

Si accorciano più velocemente per danni provocati da specie reattive dell’ossigeno (ROS) rilasciate nel processo di infiammazione o da alterazioni chimiche a purine e pirimidine dallo stress ossidativo: le esposizioni sistemiche che contribuiscono allo stress ossidativo e alle malattie legate all’età, ad esempio il fumo, l’obesità e lo stress cronico, sono state associate a telomeri più corti. Inoltre, un accorciamento accelerato dei telomeri negli esseri umani è stato collegato a un aumento dell’assunzione di carne rossa, carne lavorata, bevande gassate zuccherate, sodio e pane bianco.

E’ un processo rallentabile e reversibile?

Si ipotizza che uno stile di vita sano come l’astinenza da tabacco, attività fisica moderata, BMI nella norma e modelli dietetici salutari possa promuovere telomeri più stabili presumibilmente attraverso attività antiossidanti e anti-infiammatorie. Dato che frutta, verdura e noci, componenti chiave della dieta mediterranea hanno effetti antiossidanti e antinfiammatori ben noti, ne consegue che una maggiore aderenza all’MD sarebbe probabilmente associata a TL. Prove considerevoli suggeriscono che il consumo di cibi ricchi di antiossidanti e / o una dieta ricca di frutta e verdura possa avere un ruolo nel mantenimento di TL e quindi avere un impatto sullo stato di salute generale e sulla longevità.

Negli ultimi anni è emerso che l’MD nel suo insieme possa avere un’influenza maggiore sul TL piuttosto che sui singoli nutrienti e / o gruppi di alimenti.

Questa recensione è la prima a esaminare la letteratura sul potenziale legame tra MD e mantenimento dei telomeri. Il primo vantaggio dell’MD sembra risiedere nella sua sinergia tra i nutrienti bioattivi appartenenti a diversi gruppi alimentari. In effetti, le prove evidenziate indicano che l’MD possiede un cocktail unico di composti fitochimici: studi preliminari sull’uomo indicano che l’MD può essere considerato un potenziale strumento nutrizionale per preservare TL durante tutta la vita.

I fattori genetici sono coinvolti nella regolazione di TL, certo: esistono prove che i polimorfismi associati alla attività della telomerasi e il metabolismo dei nutrienti possono modificare gli effetti dei fattori dietetici sulla struttura e sulla funzione dei telomeri. Pertanto, sebbene TL rappresenti un risultato misurabile, un approccio nutrigenetico / nutrigenomico può aggiungere nuove informazioni per colmare le molte lacune nelle nostre conoscenze sul legame tra MD e TL.

 

Per la tua professione, scegli i prodotti migliori. Ora la suite nutrizionale Dietosystem è on demand, in modalità pay for use, acquistando esclusivamente le elaborazioni di cui si necessita.
Con tutto il contenuto, l’esperienza e la sicurezza della terapia alimentare Dietosystem.

 

Bigliografia : Davinelli S, Trichopoulou A, Corbi G, De Vivo I, Scapagnini G

mar 27 novembre 2018
VEDI ANCHE
dimagrire_chetoIl segreto della lunga vita
Uno studio su centenari portoghesi
mar 13 settembre 2016
meno zuccheri e meno AlzheimerVia gli zuccheri e il cervello non invecchia
Una dieta chetogenica a basso contenuto di carboidrati permette di rallentare il declino cognitivo e l'Alzheimer.
mar 16 luglio 2019
Parliamo di ...
  • nutrizione e genoma
    Nutrizione e genoma
    Nutrigenetica e nutrigenomica, due nuove approcci per una nutrizione clinica sempre più personalizzata