Via gli zuccheri e il cervello non invecchia

Effetto della dieta chetogenica
meno zuccheri e meno Alzheimer

Gli investigatori della Johns Hopkins University School of Medicine, Baltimora, nel Maryland, hanno scoperto che quando gli anziani con decadimento cognitivo lieve (MCI) hanno cambiato la loro dieta con una dieta chetogenica a basso contenuto di carboidrati, hanno avuto un modesto miglioramento nella memoria, misurata con un test standardizzato. Cosa che nessun farmaco fino ad ora è riuscito a realizzare.

Normalmente il cervello utilizza il glucosio prodotto dalla scomposizione dei carboidrati come combustibile primario. Tuttavia, per le persone con morbo di Alzheimer (AD) in fase iniziale, la capacità di metabolizzare il glucosio è difettosa e il glucosio diventa inefficiente come fonte di energia primaria. Alcuni esperti si riferiscono addirittura all’Alzheimer come “diabete di tipo 3”.

Risultati preliminari suggeriscono che cambiando le abitudini alimentari di individui che hanno MCI o AD in fase iniziale con una dieta chetogenica ricca di grassi e povera di zuccheri o amidi, il cervello e il corpo iniziano a usare i chetoni – prodotti durante la metabolizzazione del grasso – come fonte alternativa di energia.

Lo studio

Lo studio di 12 settimane è iniziato con 27 partecipanti, ma quando sono state introdotte delle misure dietetiche restrittive, il numero di partecipanti attivi è sceso a 14. L’età media dei partecipanti era di 71 anni. La metà dei partecipanti attivi erano donne.

  • Nove partecipanti hanno seguito la chetogenica, che ha limitato la quantità di carboidrati consumati a 20 grammi al giorno o meno. Non c’era alcuna restrizione sulle calorie. Prima dello studio, questi individui consumavano in media 158 grammi di carboidrati al giorno!
  • Gli altri cinque partecipanti hanno seguito una dieta del National Institute of Aging (NIA), che è simile alla dieta mediterranea. La dieta NIA non limita i carboidrati e favorisce frutta, verdura, latticini senza grassi o grassi, cereali integrali e proteine ​​magre. Hanno continuato ad assumere oltre 100 grammi di carboidrati al giorno!

Alla sesta settimana, i ricercatori hanno riscontrato un significativo miglioramento della memoria, correlata ai più alti livelli di chetoni e alle assunzioni di carboidrati più basse.

Confrontando i risultati dei test sulla memoria a breve termine, in media, quelli a dieta chetogenica sono migliorati di un paio di punti (circa il 15% del punteggio totale), mentre quelli che hanno seguito la dieta del NIA in media hanno perso un paio di punti.

Bigliografia : Brandt J, Buchholz A, Henry-Barron B, Vizthum D, Avramopoulos D, Cervenka MC

mar 16 luglio 2019
Condividi su :
VEDI ANCHE
La dieta sana aiuta l'AlzheimerLa dieta e l’Alzheimer
L'adesione a un modello dietetico sano, come quello mediterraneo, ha effetti neuroprotettivi sulla prevenzione dell'Alzheimer.
mer 31 luglio 2019
depressione_alzheimerChetogenica contro ansia e depressione nell’Alzheimer
La KD è una fonte di energia alternativa per i neuroni con conseguenze positive ma l'effetto su sintomi emotivi a lungo termine è sconosciuto.
mar 7 dicembre 2021
Parliamo di ...
  • alzheimer
    Alzheimer
    La malattia di Alzheimer è una patologia neurodegenerativa che determina una graduale perdita delle funzioni cognitive.
  • dieta-chetogenica
    Dieta chetogenica
    La dieta chetogenica è un protocollo terapeutico basato sulla riduzione dell’apporto calorico e di carboidrati, che induce l’organismo a utilizzare i ...
  • Carboidrati
    Carboidrati
    I carboidrati, contenuti soprattutto in cereali e derivati, sono la principale fonte di energia dell’organismo che li assorbe facilmente.