La BIA che punta al cuore

Più massa grassa, più massa ventricolare
Le malattie cardiovascolari (CVD) sono considerate un onere per la Sanità pubblica e la causa più comune di mortalità in tutto il mondo.
Il tempo di latenza di una CVD in via di sviluppo può essere di diversi decenni. Così, sono necessari marcatori di rischio precoce per identificare i soggetti obesi a rischio.
L’ipertensione è uno dei fattori di rischio per CVD e va diagnosticata subito per arginare i danni agli organi.
Quando si definisce il range di normale massa ventricolare sinistra, la dimensione del corpo individuale e la sua composizione devono essere presi in considerazione perché la domanda di perfusione e i  bisogni metabolici variano con la statura e determinano l'adattamento fisiologico delle dimensioni del cuore.
L'obesità è una malattia in rapida crescita che è caratterizzata da un eccessivo accumulo di tessuto adiposo. La massa ventricolare sinistra era comunemente indicizzata alla superficie corporea (BSA). Tuttavia, la valutazione della percentuale di grasso corporeo (BFP) in studi più ampi è stata a lungo ostacolata da impedimenti tecnici. L'avvento di analisi impedenza bioelettrica (BIA) offre ora un metodo convalidato e facilmente applicabili per misurare BFP.

Uno studio ha esaminato la relazione tra composizione corporea e Indice di Massa Ventricolare Sinistra cardiaca (LVMI) nei pazienti ipertesi di nuova diagnosi.
Sono stati arruolati 120 pazienti ipertesi (età media 45 ± 8 anni) di nuova diagnosi, i quali sono stati sottoposti a ecocardiogramma per la valutazione di LVMI e Bioimpedenziometria per la composizione corporea.
I valori medi del rapporto vita fianchil’indice di massa corporea, la percentuale di grasso corporeo, la pressione sistolica e diastolica erano significativamente più alti per le femmine rispetto ai maschi (tutti i valori di p <0,05).
I pazienti di sesso femminile hanno presentato una LVMI maggiore rispetto ai pazienti di sesso maschile (94,8 ± 13.1 vs 89.2 ± 14.6, p <0,05).
I pazienti che presentavano  grasso corporeo superiore, avevano un più alto indice di massa corporea (p <0,05), conta leucocitaria totale (p <0.05), CRP (p <0.05), trigliceridi (p <0.05), ed erano in prevalenza donne. Inoltre, avevano livelli LVMI più elevati nel gruppo rispetto al gruppo con FM più basso (p <0,05). All'analisi di regressione logistica, i fattori indipendenti che influenzano LVMI erano l'età, il peso, il sesso e FM (tutti i valori di p erano <0,05).
Il grasso corporeo è stato associato con una maggiore LVMI, nei pazienti ipertesi di nuova diagnosi.

Nella pratica clinica, l’utilizzo della composizione corporea anche in pazienti all’apparenza non obesi potrebbe rivelare dati interessanti.
Inoltre, la possibilità di usare una BIA in multifrequenza amplia l’analisi all’acqua intra ed extracellulare, fornendo elementi fondamentali  per una corretta valutazione dei propri pazienti.

Autori: Karakan S, Inan B.
Fonte: Clin Hypertens. 2015 Dec 12;21:23. doi: 10.1186/s40885-015-0033-6. eCollection 2015
Link della fonte: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4750806/

Bigliografia :

Fonti :

mar 3 aprile 2018
VEDI ANCHE
Parliamo di …