BMI e fertilità maschile

BMI associato a cattiva qualità dello sperma.
Schede singole sinottiche

Questo è nella sostanza il risultato di una ricerca olandese nella quale sono stati coinvolti 450 uomini di coppie sub-fertili afferenti a un centro specialistico per l’assistenza di coppia.

L’ipotesi primaria era la verifica di eventuali correlazioni tra il BMI e la concentrazione di spermatozoi (milioni per ml), la percentuale di spermatozoi mobili e immobili, e numero totale di spermatozoi mobili (milioni).

Si è così dimostrato che il sovrappeso era negativamente associato con la percentuale di motilità progressiva degli spermatozoi e positivamente associato con la percentuale d’immobilità. L’obesità era negativamente associata con il volume dell’eiaculato, la concentrazione di spermatozoi e il numero totale di spermatozoi mobili.

Inoltre, una circonferenza vita ≥ 102 cm, che deponeva per adiposità centrale, era inversamente associata alla concentrazione dello sperma e al numero totale di spermatozoi mobili. Tutte le associazioni sono rimaste significative dopo aggiustamento per età, etnia, fumo attivo e passivo, consumo di alcol, uso di farmaci e status dei folati.

Bigliografia :
Fonti :

lun 18 giugno 2012
VEDI ANCHE
La dieta e la fertilitàLa dieta e la fertilità
I cambiamenti dello stile di vita come dieta sana e attività fisica migliorano la salute riproduttiva e aumentano i tassi di gravidanza.
mar 11 ottobre 2022
gestosi-gravidicaVitamina D e stato riproduttivo
Secondo una revisione sistematica della letteratura, differenti studi hanno evidenziato associazioni tra vitamina D e fertilità, sia per i maschi, sia...
mar 31 gennaio 2012
Parliamo di ...
  • Sindrome metabolica
    Obesità e sindrome metabolica
    La sindrome metabolica è una condizione patologica associata all’obesità, caratterizzata da adiposità viscerale, dislipidemia, iperglicemia e ipertens...
  • disordini-endocrini-e-metabolici
    Disordini endocrini e metabolici
    I disordini endocrini riguardano le ghiandole che secernono ormoni; questi disturbi si accompagnano a disordini del metabolismo dei nutrienti.