La dieta e la fertilità

Una panoramica aggiornata
La dieta e la fertilità

L’infertilità è un problema pervasivo con conseguenze significative per individui, famiglie e comunità. In molte culture, l’infertilità è stigmatizzata. A livello globale, dal 1990 al 2017, la prevalenza standardizzata per età delle donne infertili in 195 paesi è aumentata del 14,9%, da 1.366,8 per 100.000 a 1.571,3 per 100.000.

La prevalenza standardizzata per età degli uomini infertili è aumentata dell’8,2%, da 710,1 per 100.000 a 768,5 per 100.000.

Cause dell’infertilità

Sia i fattori maschili che quelli femminili possono causare infertilità: bassa qualità dello sperma, problemi ovarici, blocco delle tube di Falloppio, infezione pelvica, età avanzata, endometriosi e difficoltà nella fecondazione naturale sono le cause più frequenti.

Inoltre, l’obesità, abitudini alimentari non equilibrate, una dieta ricca di grassi trans e carboidrati e zuccheri, mancanza di attività fisica, fumo, depressione, ansia e stress contribuiscono all’infertilità.

Le evidenze scientifiche indicano che la dieta e lo stile di vita sono fattori chiave che influenzano la fertilità. Inoltre, è stato dimostrato che la perdita di peso, se necessario, è il mezzo più importante per aumentare la fertilità.

Efficacia degli interventi sulle donne

I cambiamenti dello stile di vita come una alimentazione più sana, aumentare l’attività fisica, smettere di fumare e ridurre il consumo di alcol possono aiutare i pazienti a concepire. In particolare, livelli adeguati di attività fisica possono aiutare a mantenere cicli mestruali regolari e l’ovulazione, e un’adeguata attività fisica può avere un effetto positivo sul parto.

Secondo una meta-analisi di studi condotti su pazienti infertili, un intervento che includeva informazioni di base sull’infertilità, così come lo stile di vita e la gestione dello stress, era utile per la correzione dell’infertilità. I miglioramenti dello stile di vita che sono risultati dall’intervento hanno aumentato la probabilità di gravidanza delle partecipanti e hanno avuto un effetto positivo sulla salute riproduttiva.

Riducendo l’apporto energetico (kcal) e l’indice di massa corporeagli interventi sullo stile di vita a lungo termine (quinquennali) hanno migliorato la qualità fisica della vita delle donne obese e infertili e hanno dimostrato gli effetti potenzialmente sostenibili di un’alimentazione sana e di un’attività fisica regolare. Gli interventi che includevano raccomandazioni dietetiche e di stile di vita a tre mesi hanno aumentato significativamente la conta degli ovuli, la conta degli ovuli maturi, la conta degli embrioni, la qualità degli embrioni, la fertilità e il tasso di gravidanza tra le donne infertili. Inoltre, un intervento sullo stile di vita di sei mesi ha migliorato il metabolismo endocrino e lipidico riproduttivo e ha ridotto il volume delle ovaie sinistra e destra, aumentando il recupero mestruale, l’ovulazione e i tassi di gravidanza nelle donne obese e infertili. Gli interventi sullo stile di vita hanno anche migliorato la funzione sessuale complessiva nelle donne infertili.

 

Efficacia degli interventi sugli uomini

Un intervento di attività fisica di tre settimane ha notevolmente migliorato la qualità dello sperma negli uomini infertili, mostrando un’associazione diretta tra uno stile di vita sano e la salute riproduttiva degli uomini. Inoltre, un intervento di tre mesi sullo stile di vita incentrato sulla dieta e sull’esercizio fisico ha anche mostrato un miglioramento della qualità dello sperma tra gli uomini infertili.

Significato clinico

Esiste un’associazione significativa tra infertilità e stile di vita. I cambiamenti dello stile di vita come una dieta più sana e una maggiore attività fisica migliorano la salute generale e riproduttiva, oltre ad aumentare i tassi di gravidanza.

Bigliografia : Eun Jin Kim e Ju-Hee Nho

mar 11 ottobre 2022
Condividi su :
VEDI ANCHE
ovaio__policisticoOvaio policistico sensibile a stile di vita
La modifica dello stile di vita con dieta ed esercizio fisico è un approccio promettente per le pazienti affette da PCOS e obesità.
mar 8 marzo 2022
cheto_prostataChetogenica riduce infiammazione alla prostata
Un approccio nutrizionale chetogenico nei pazienti in sovrappeso/obesi può migliorare i sintomi dell’infiammazione delle ghiandole accessorie.
mar 19 aprile 2022
Parliamo di ...