Vitamina D e stato riproduttivo

Sia per uomini che per donne
gestosi-gravidica

Dall’analisi delle evidenze pubblicate fino al 2011 risulta che il recettore della vitamina D (VDR) e gli enzimi del suo metabolismo si trovano in tessuti riproduttivi sia maschili sia femminili.

 

Inoltre, esistono prove che la vitamina D è coinvolta nella riproduzione femminile tra cui la fecondazione in vitro (IVF) e la sindrome dell’ovaio policistico (PCOS). Nelle donne con PCOS, si trova una inferiore concentrazione plasmatica di 25-idrossivitamina D (25 (OH) D). Questi livelli vengono generalmente associati a obesità e sindrome metabolica.

 

Quindi, nelle stesse donne, la supplementazione con vitamina D potrebbe migliorare i disordini mestruali e le patologie metaboliche. Pare anche che la vitamina D possa influenzare la steroidogenesi degli ormoni sessuali (estradiolo e progesterone) in donne sane e ancora, elevati livelli plasmatici di 25 (OH) D potrebbero essere associati all’endometriosi.

 

Negli uomini, la vitamina D è correlata positivamente con la qualità dello sperma e con lo stato degli androgeni. Infine, un’integrazione con la vitamina D sembra aumentare i livelli di testosterone e l’incidenza di osteoporosi negli uomini con patologie testicolari, nonostante i livelli di testosterone appaiono normali.

 

Fonte:

Vitamin D and fertility-a systematic review.

Bigliografia :
Fonti :

mar 31 gennaio 2012
VEDI ANCHE
La dieta e la fertilitàLa dieta e la fertilità
I cambiamenti dello stile di vita come dieta sana e attività fisica migliorano la salute riproduttiva e aumentano i tassi di gravidanza.
mar 11 ottobre 2022
Alimentazione in gravidanzaGravidanza con un basso indice glicemico
Le abitudini alimentari della donna durante la gravidanza possono influire, positivamente o negativamente, sul fenotipo del nascituro, inducendo segni...
mar 22 febbraio 2011
Parliamo di ...