Perde peso chi si muove e mangia meglio

Dieta e attività fisica
peso_muove_mangia

Oltre l’80% dei pazienti che riesce a perdere peso in modo significativo con una dieta, dopo un anno recupera i chili persi.

I fattori predittivi per la riuscita dell’intervento nel tempo sono sostanzialmente 2: perdita di peso precoce (in 2-6 settimane) e attività fisica durante la dieta.

L’analisi

I ricercatori hanno esaminato l’influenza delle variazioni dell’attività fisica (PA), del tempo di sedentarietà e del dispendio energetico (EE) durante la restrizione energetica dietetica sul tasso di perdita di peso (WL) e sul cambiamento di peso a 1 anno di follow-up nelle donne con sovrappeso/ obesità.

Hanno effettuato le misurazioni del peso e della composizione corporea, del tasso metabolico a riposo e totale giornaliero, dei minuti di PA e del tempo di sedentarietà al basale, dopo 2 settimane, dopo ≥5% WL o 12 settimane di restrizione energetica continua (25% di deficit energetico giornaliero) o intermittente (75% di deficit energetico giornaliero alternato a giorno ad libitum ) e a 1 anno dopo il WL.
Hanno incluso 37 partecipanti (età=35±10 anni; BMI=29,1±2,3kg/m2) che hanno completato l’intervento (WL=-5,9±1,6%) e 18 sono tornate dopo 1 anno (variazione di peso=+4,5± 5,2%).

Le variazioni del tempo di sedentarietà a 2 settimane sono state inversamente associate al tasso di WL durante la restrizione energetica.
La quantità di peso perso correlava con l’attività fisica e con il dispendio energetico.
I cambiamenti della attività fisica tra il post-WL e il follow-up sono stati inversamente associati alla variazione di peso a 1 anno.
In altre parole, ha ripreso peso chi ha ridotto l’attività fisica.

Significato clinico

Questi risultati evidenziano che attività fisica e riduzione della sedentarietà sono gli obiettivi comportamentali modificabili per promuovere migliori risultati in termini di perdita di peso durante la restrizione energetica e/o il mantenimento del peso.

Bigliografia : Nuno Casanova, Kristine Beaulieu, Pauline Oustric et al

mar 22 marzo 2022
Condividi su :
VEDI ANCHE
Dieta_intermittenteDieta intermittente o dieta continua?
Nei pazienti in sovrappeso e obesi con ipertensione la dieta intermittente è efficace per il controllo della pressione sanguigna.
mar 16 novembre 2021
prevenzione-cardiovascolare-800x461Attività fisica: può cambiare il metabolismo basale?
Definito come “adattamento metabolico”, la riduzione della spesa energetica associata alla pratica regolare dell’attività fisica può rappresentare un ...
lun 19 maggio 2014
Parliamo di ...
  • I consumi energetici
    Tutti i processi metabolici che si svolgono nell’organismo umano si trasformano o meno in lavoro meccanico e nella produzione di calore.
  • Fabbisogni in caso di sovrappeso e obesità nell'adulto
    Sovrappeso e obesità nell’adulto
    Sovrappeso e obesità sono condizioni patologiche multifattoriali; richiedono interventi di prevenzione e trattamento precoce.
  • La composizione corporea
    La composizione corporea
    La composizione corporea è correlata allo stato nutrizionale e la sua valutazione è necessaria per progettare interventi dietetici efficaci.