Obesità interagisce coi farmaci

Una revisione
obesità e farmaci

L’effetto di obesità, macronutrienti, digiuno e stato nutrizionale sul citocromo P450 che metabolizza i farmaci è stato preso in esame in una revisione sistematica.

I citocromi P450 (CYP) sono una classe di emoproteine ​​coinvolte nel metabolismo dei farmaci.

Negli umani, sono tre le famiglie di CYP maggiormente coinvolte nel metabolismo dei farmaci: CYP1, CYP2 e CYP3.

Il CYP3A4 è rappresentativo di questi enzimi. Infatti è il responsabile del metabolismo di una vasta gamma di farmaci nel fegato, farmaci come le benzodiazepine, gli antidepressivi, gli agenti chemioterapici e i bloccanti dei canali del calcio.

Tra i componenti alimentari che interagiscono con il citocromo P-450 ci sono:

  • apigenina,
  • mela,
  • caffeina,
  • capsaicina,
  • carne alla brace,
  • diallil disolfuro,
  • acido ellagico,
  • epicatechina gallato,
  • esperetina,
  • galangina,
  • genisteina,
  • pompelmo,
  • esperperina,
  • i composti della liquirizia,
  • luteolina,
  • naringenina,
  • piperina,
  • sulforafano,
  • teofillina,
  • mirtillo rosso,
  • curcumina,
  • nicotina,
  • resveratrolo,
  • etanolo,
  • i composti del crescione,
  • melograno,
  • sesamina.

La composizione corporea, la percentuale di macronutrienti alimentari, il digiuno e lo stato nutrizionale possono interferire con l’attività dei CYP che metabolizzano i farmaci?
Una revisione sistematica recente ha riassunto gli effetti di obesità, riduzione del peso, macronutrienti, digiuno e malnutrizione sul metabolismo dei farmaci mediato dal CYP.

La revisione

I ricercatori hanno incluso 69 studi con 126 set di dati relativi all’attività dei CYP direttamente o indirettamente attraverso la farmacocinetica dei farmaci sonda.

L’aumento della attività del CYP è stato valutato attraverso l’aumento della clearance (CL) o la diminuzione dell’emivita di eliminazione (t½) e dell’area sotto la curva (AUC) dei farmaci sonda.

I risultati hanno indicato che l’obesità potrebbe diminuire l’attività di CYP3A4 / 5, CYP1A2 e CYP2C9 e aumentare l’attività di CYP2E1.
La perdita di peso ha aumentato l’attività del CYP3A4. Invece una dieta ricca di carboidrati ha ridotto l’attività del CYP1A2, mentre una dieta ricca di proteine ​​e il digiuno l’hanno aumentata.

L’attività del CYP2C19 era meno suscettibile alle alterazioni rispetto ad altri CYP.

Significato clinico

In sintesi, l’attività dei CYP che metabolizzano i farmaci è alterata dalla composizione corporeadall’assunzione alimentare e dallo stato nutrizionale.

Questa relazione potrebbe contribuire alla tossicità del farmaco o a ridurre l’efficacia dei trattamenti e influenza il rapporto costo-efficacia delle cure mediche.

Bigliografia :
Fonti :

gio 12 novembre 2020
VEDI ANCHE
«È il cibo il primo farmaco contro le malattie»
Libera scelta la strada giusta
ven 30 ottobre 2015
Grassi del pesce sembrano favorire la risposta ai farmaci antidepressivi
Il consumo di specifiche categorie di acidi grassi potrebbe influenzare l’efficacia di alcuni trattamenti farmacologici antidepressivi.
ven 24 ottobre 2014
Parliamo di ...