Nutrizione sempre più su misura

Una revisione sul ruolo del microbiota
nutrizione_su_misura

Il microbioma intestinale è un importante regolatore del peso corporeo, del metabolismo del glucosio e dei lipidi e dei processi infiammatori, e può quindi svolgere un ruolo chiave nell’eziologia dell’obesità, della resistenza all’insulina e del diabete di tipo 2.

La reattività interindividuale a specifici interventi dietetici può essere parzialmente determinata dalle differenze nella composizione e nella funzionalità del microbiota intestinale di base tra individui con fenotipi metabolici distinti.

La reattività agli interventi dietetici non dipende solo dalle caratteristiche del microbiota intestinale, ma anche da una complessa interazione multifattoriale tra dieta, stile di vita e fattori ambientali e caratteristiche cliniche come il fenotipo metabolico.

La review

La comprensione del ruolo del fenotipo microbico e metabolico intestinale di base nella risposta all’intervento dietetico può fornire indicazioni per strategie nutrizionali basate sulla precisione.

Gli effetti associati al microbioma intestinale sul metabolismo dell’ospite possono essere correlati ai prodotti di fermentazione di carboidrati e proteine.

La fermentazione delle fibre alimentari avviene principalmente nel colon prossimale e produce acidi grassi a catena corta (SCFA) che possono essere utilizzati sia come combustibile per gli enterociti sia come molecole di segnalazione periferiche. Gli SCFA sono coinvolti nella regolazione centralizzata dell’assunzione di cibo e del dispendio energetico in base agli effetti sulla secrezione di GLP-1 e PYY. Gli SCFA sono regolatori benefici della comunicazione tra l’intestino e gli organi periferici come il fegato e i muscoli.
La fermentazione delle proteine avviene principalmente nel colon distale e produce una gamma più diversificata di metaboliti, inclusi i BCFA (acidi grassi a catena ramificata), che sono associati ad effetti dannosi sull’intestino e sulla salute metabolica.

Comprendere come bilanciare in modo ottimale la fermentazione proteolitica e saccarolitica e approfondire l’importanza del sito di fermentazione del colon consentirà di acquisire informazioni sull’interazione tra dieta, microbioma intestinale e processi metabolici.

I “big data”, inclusi omiche multiple e modelli avanzati, sono di innegabile importanza nel prevedere la (non) risposta agli interventi dietetici. Chiaramente, una dettagliata fenotipizzazione metabolica e microbica nell’uomo è necessaria per comprendere meglio il legame tra dieta, microbioma e metabolismo.

Significato clinico

Per tradurre le strategie basate sulla precisione nella pratica sanitaria o in linee guida, abbiamo bisogno di una comprensione approfondita del motivo per cui le persone rispondono in modo differenziato alla dieta, se le risposte differenziali e i relativi fenotipi vengono mantenuti a lungo termine e in che misura gli algoritmi sviluppati sono riproducibili. 


mar 15 febbraio 2022
Condividi su :
VEDI ANCHE
microbiota da migliorare nel diabeticoMicrobiota da migliorare nel diabete
Gli integratori possono aiutare le terapie ipoglicemizzanti
mer 21 ottobre 2020
cambia microbiotaMicrobiota che cambia
Il tipo di dieta e il sesso influenzano i cambiamenti legati alla perdita di peso nella composizione del microbiota intestinale e nel profilo funziona...
mar 23 febbraio 2021
Parliamo di ...
  • disbiosi-intestinale
    Disbiosi intestinale
    La disbiosi è un qualsiasi cambiamento dell’equilibrio della flora batterica intestinale che determina l’insorgenza di sindromi quali LGS o SIBO.
  • Mantenimento-del-microbiota
    Mantenimento del microbiota
    La dieta amido resistente consente il mantenimento del microbiota intestinale, esercitando un effetto benefico sulla flora batterica intestinale.