Gestione e riabilitazione della disfagia

Una sintesi pratica
gestione-disfagia

La disfagia è una condizione medica che rende difficile per una persona mangiare o deglutire.

Si stima che 590 milioni di persone nel mondo soffrano di disfagia.

Le cause sono varie e comprendono disturbi neurologici come ictus e malattie dei motoneuroni, cancro della testa e del collo, malattie neuromuscolari, malattie infiammatorie come dermatomiosite, demenza, lesioni del midollo spinale cervicale e ossificazione vertebrale anteriore.

La valutazione e lo screening della disfagia consistono in un colloquio basato su un questionario, nell’osservazione durante i pasti e, se ritenuto necessario, da un test di screening o da un esame strumentale da parte di specialisti.

Il trattamento si basa sulla diagnosi, sulle capacità cognitive del paziente e sulle informazioni raccolte mediante lo screening e la valutazione clinica.

La funzionalità del paziente può essere migliorata solo quando il trattamento è completo e comprende l’alimentazione compensativa utilizzando una dieta adattata per la deglutizione, un aggiustamento compensatorio della postura e un miglioramento nutrizionale.

Approfondisci guardando la lezione sui disturbi della deglutizione

Terapia nutrizionale

I pazienti con disfagia talvolta sono già denutriti al momento della consultazione. In molti casi, anche dopo l’inizio del trattamento, la malnutrizione progredisce. Questo perché il processo di preparazione di alimenti dalla consistenza modificata spesso comporta la miscelazione di acqua con un frullatore, la preparazione di una mousse o gelatina, durante la quale i nutrienti vengono spesso diluiti.

Inoltre, ai pazienti viene spesso offerto cibo diverso dal loro cibo “normale”, e questo spesso porta a problemi nella pratica clinica, come la mancanza di motivazione a mangiare e la mancanza di interesse per il cibo che stanno consumando. Coloro che trattano pazienti con disfagia dovrebbero esserne consapevoli e considerare di aumentare la densità calorica dei pasti forniti, consentendo pasti piccoli e frequenti e sospendendo i farmaci che riducono il desiderio di cibo o causano disturbi del gusto.

Si raccomanda inoltre di calcolare il dispendio energetico totale utilizzando il peso corporeo ideale anziché il peso corporeo attuale quando si calcola l’apporto calorico.

Significato clinico

Per la gestione della disfagia è importante l’attivazione del “flusso di gestione della disfagia”. Il flusso inizia dal reclamo del paziente. Dopo un’appropriata valutazione con questionario, osservazione durante i pasti, screening al letto del paziente e valutazione strumentale, è possibile creare un obiettivo su misura per la strategia di trattamento. Un approccio completo e integrato che includa la riabilitazione mirata, l’alimentazione compensativa utilizzando un alimento dalla consistenza modificata, la modifica della postura e il miglioramento nutrizionale è il modo per far sì che i pazienti raggiungano l’obiettivo.

 

Bigliografia : Mari Nakao-Kato, Farooq Azam Rathore

mar 30 gennaio 2024
Condividi su :
VEDI ANCHE
Anziano e dieta sanaAnziani malnutriti
Un numero consistente di persone anziane soffre per una masticazione insufficiente, il che si ripercuote con effetto negativo sulle abitudini alimenta...
lun 8 settembre 2014
integrazione_proteica_sarcopeniaIntegrazione proteica contro la sarcopenia
L'integrazione di proteine del siero di latte da sole e combinate con la vitamina D ha migliorato la massa magra negli anziani sarcopenici o fragili
mar 20 giugno 2023
Parliamo di ...
  • disfagia
    Disfagia
    Il termine disfagia comprende qualsiasi disagio nel deglutire e qualsiasi disfunzione di una o più fasi della deglutizione.
  • disordini-della-deglutizione
    Disordini della deglutizione
    I disordini della deglutizione si verificano quando è compromessa la funzionalità dell'apparato deglutitorio.