Chetogenica efficace in ovaio policistico

Uno studio pilota
Chetogenica in ovaio policistico

La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è un disordine endocrino che si associa, oltre che a disturbi nell’ovulazione, a iperinsulinemia e insulino resistenza.

Questo disturbo è molto frequente nella popolazione (5-10% delle donne in età riproduttiva). Pertanto, l’adozione di corretti stili di vita (attività fisica, perdita di peso) ed eventualmente farmaci per ripristinare l’ovulazione sono le soluzioni da indagare.

Lo studio

Un gruppo di clinici cinesi ha arruolato 20 donne obese con PCOS e disfunzione epatica. Per valutare l’effetto di una dieta chetogenica (KD) le pazienti hanno ricevuto, in aperto, a gruppi paralleli, una dieta chetogenica (gruppo KD) o un trattamento farmacologico convenzionale in un rapporto 1: 1.

Dopo 12 settimane, il gruppo KD ha riportato una riduzione significativa delle caratteristiche antropometriche e della composizione corporea.

Inoltre, ci sono state riduzioni significative del ciclo mestruale, di estradiolo plasmatico e livelli di progesterone nei due gruppi (tutti p <0,05), senza alcuna differenza significativa tra i gruppi.

In aggiunta, KD ha ridotto significativamente i marcatori di funzionalità epatica rispetto al gruppo di controllo (p <0,05). Addirittura, i segni di steatosi epatica sono scomparsi in sei su sette partecipanti nel gruppo KD dopo 12 settimane di intervento!

Pertanto, secondo questo studio pilota, oltre a migliorare il ciclo mestruale, la dieta chetogenica aveva vantaggi aggiuntivi. I vantaggi sono stati la riduzione della glicemia e del peso corporeo, il miglioramento della funzionalità epatica e del fegato grasso. Queste proprietà erano un plus rispetto al trattamento farmacologico tradizionale nelle donne con PCOS e disfunzione epatica che erano obese.


mar 26 gennaio 2021
VEDI ANCHE
intestino e psoasOvaio policistico e dieta
Uno studio italiano enfatizza il ruolo positivo della dieta mediterranea
mar 1 ottobre 2019
Parliamo di ...