Rivalutato il consumo di carni rosse e trasformate

Un dietro-front piuttosto discusso
carne e sonno

Le raccomandazioni sulle linee guida dietetiche richiedono la considerazione della certezza delle prove, l’entità dei potenziali benefici e rischi e l’esplicita considerazione dei valori e delle preferenze delle persone. Una serie di raccomandazioni sulla carne rossa e sul consumo di carne trasformata è stata sviluppata sulla base di 5 revisioni sistematiche de novo che hanno preso in considerazione tutti questi problemi.

Le raccomandazioni sono state sviluppate utilizzando il processo di sviluppo delle linee guida sulle raccomandazioni nutrizionali (NutriRECS), che include una metodologia di revisione sistematica rigorosa e metodi GRADE per valutare la certezza delle prove per ciascun risultato e passare dalle prove alle raccomandazioni. Quattro revisioni sistematiche hanno affrontato gli effetti sulla salute associati alla carne rossa e al consumo di carne trasformata, e 1 revisione sistematica ha riguardato i valori e le preferenze relative alla salute delle persone in relazione al consumo di carne.

Le nuove linee guida dietetiche, sviluppate da un consorzio internazionale di 14 membri, suggeriscono che la maggior parte degli adulti può continuare l’assunzione dei loro attuali livelli di carne rossa non trasformata e il consumo di carne trasformata con pochi rischi per la loro salute a lungo termine. La conclusione è in contrasto con le linee guida statunitensi stabilite che raccomandano solo una porzione settimanale di carne rossa e trasformata.

In pratica, non si può dire con certezza che il consumo di carne rossa o carne trasformata provochi il cancro, il diabete o le malattie cardiache.

In effetti, tra i 12 studi randomizzati controllati, il gruppo di esperti scientifici non ha riscontrato alcuna associazione statisticamente significativa o importante tra l’assunzione ridotta di tre porzioni a settimana e una riduzione del cancro, del diabete o delle malattie cardiache. Inoltre, nel cancro, ad esempio, una revisione di circa 180 studi di coorte con milioni di partecipanti ha riscontrato un rischio ridotto di cancro compreso tra lo 0,1% e l’1,3% (da 1 a 13 casi in meno per 1000 persone nel corso della vita).

Certo, gli autori non hanno preso in considerazione studi controllati randomizzati sulla relazione tra carne rossa e fattori di rischio cardiovascolare. Questi studi dimostrano che la carne rossa aumenta i livelli ematici di colesterolo LDL e trigliceridi, che prevedono costantemente un rischio maggiore di malattie cardiovascolari.

 

Bigliografia : BC Johnston; D Zeraatkar; MA Han et al

mar 8 ottobre 2019
VEDI ANCHE
carne rossaIl consumo di carni rosse si associa ad un aumentato rischio di mortalità
Gli autori suggeriscono di sostituire le carni rosse con alternative più salutari quali pesce, uova, latticini, cereali integrali e vegetali.
mar 18 giugno 2019
La chetogenica nel Long CovidCarni rosse si o no?
Una metanalisi
mar 16 aprile 2019
Parliamo di ...
  • l-anamnesi-alimentare
    L'anamnesi alimentare
    L’anamnesi alimentare analizza i consumi abituali del paziente, attraverso il diario alimentare o il recall dei consumi nelle ultime 24-48 ore.
  • il-food-intake
    Il Food Intake
    Il food intake è l’analisi dei consumi alimentari; questa consente di analizzare l’apporto energetico e di impostare un piano dietetico personalizzato...