Questione di testa?

Perdere peso influenza il cervello
cervello-obesita

Un recente studio pubblicato su Obesity ha rivelato interessanti connessioni tra la perdita di peso indotta da una dieta ipocalorica e i cambiamenti nella connettività cerebrale e nel desiderio di cibo negli individui obesi. Conducendo un’indagine approfondita su come le diete ipocaloriche influenzano il cervello, i ricercatori miravano a comprendere meglio i meccanismi alla base della fame e della regolazione dell’appetito post-dieta.

Lo studio

Il principale obiettivo dello studio era esaminare come la perdita di peso, ottenuta tramite una dieta ipocalorica, influisca sulla connettività cerebrale in risposta ai cambiamenti nei livelli di glucosio nei pazienti obesi.

Lo studio ha coinvolto 25 individui con obesità, di cui 9 con diagnosi di diabete di tipo 2. I partecipanti sono stati sottoposti a scansioni di risonanza magnetica funzionale (fMRI) prima e dopo un periodo di 8 settimane di dieta ipocalorica. Durante queste scansioni, è stato utilizzato un approccio chiamato clamp ipereuglicemico a due fasi per simulare i cambiamenti nei livelli di glucosio che si verificano dopo i pasti.

Dopo il periodo di dieta, i partecipanti hanno registrato una perdita media del 3,3% del peso corporeo. Questa perdita di peso è stata accompagnata da una serie di cambiamenti significativi:

  • Diminuzione dei livelli di leptina
  • Aumento della fame e dell’assunzione di cibo: nonostante la perdita di peso, i partecipanti hanno riferito un aumento della fame e del consumo alimentare.
  • Maggiore connettività cerebrale: le scansioni fMRI hanno mostrato un aumento della connettività nel paraippocampo, nell’ippocampo destro e nella corteccia temporale, aree del cervello associate alla rete limbico-temporale che è coinvolta nelle emozioni e nella memoria.

Inoltre, sono state osservate differenze significative tra i partecipanti con e senza diabete di tipo 2 in diverse reti cerebrali. La connettività nei cluster cerebrali limbico-temporali e fronto-parietali è risultata inversamente correlata con la fame, suggerendo che i cambiamenti nella connettività cerebrale potrebbero influenzare il desiderio di cibo.

Significato clinico

Una dieta ipocalorica a breve termine può provocare risposte multiformi nel corpo dei pazienti obesi. Queste includono un aumento della connettività nelle aree del cervello legate alle emozioni e alla memoria, oltre a cambiamenti ormonali e comportamentali che possono influenzare la capacità di mantenere il peso perso.

Queste scoperte evidenziano l’importanza di considerare non solo la perdita di peso fisica, ma anche i cambiamenti cerebrali e comportamentali che accompagnano le diete ipocaloriche. Ulteriori ricerche potrebbero approfondire come questi cambiamenti influenzano il mantenimento del peso e il rischio di recupero del peso perso, fornendo nuovi spunti per strategie di gestione dell’obesità più efficaci.

 

Bigliografia : Hai Hoang, Cheryl Lacadie, Janice Hwang

mar 9 luglio 2024
Condividi su :
VEDI ANCHE
vitamia D e pesoAdiponectina e risposta alla dieta
Esiste un background genetico specifico nel gene ADIPOQ che può predisporre a una perdita di peso più significativa.
mar 1 ottobre 2019
mmima-digiuno vs ipocaloricaBasta restringere l’assunzione calorica
Quale sarebbe la dieta giusta per perdere peso e mantenere nel tempo il dimagrimento? La risposta a questa domanda rimane ad oggi perlopiù impossibile...
gio 6 settembre 2007
Parliamo di ...
  • sovrappeso-e-obesità-nell-adulto
    Sovrappeso e obesità nell’adulto
    Sovrappeso e obesità sono condizioni patologiche multifattoriali che richiedono interventi di prevenzione e trattamento precoce.
  • il-food-intake
    Il Food Intake
    Il food intake è l’analisi dei consumi alimentari in termini di calorie e nutrienti, così da impostare un piano dietetico personalizzato.