Proteine e fragilità ossea

Ottimo il pesce, ma anche la carne non è male
porzioni-e-pesi-degli-alimenti

La prevenzione dell’osteoporosi richiede un comportamento sano, basato sull’ esercizio fisico e su un adeguato apporto dietetico di calcio, vitamina D e proteine. In particolare, le proteine ​​(derivate da carne, pesce, latte e uova) sono essenziali perché sono incorporate nella matrice organica dell’osso come parte della struttura del collagene su cui avviene la mineralizzazione, e perché le proteine ​​alimentari influenzano la secrezione e l’azione del Fattore di crescita I simile all’ormone insulino-simile (IGF-I), che è importante per la formazione dell’osso. I minerali (in particolare il calcio e il fosforo perché compongono all’incirca dall’80% al 90% del contenuto di minerali dell’idrossiapatite ossea) e le vitamine (ad es. le vitamine D e K) sono pure cruciali per l’esecuzione dei processi metabolici e delle reazioni nell’osso.

Altri benefici del metabolismo osseo derivano da componenti bioattivi che si trovano prevalentemente nelle verdure, ma anche in alcune erbe e frutti: fitochimici, antiossidanti e altri composti bioattivi influenzano il metabolismo osseo attraverso una varietà di meccanismi, ma principalmente attraverso la riduzione dello stress ossidativo e dell’infiammazione. In particolare, studi cellulari su prugne secche, agrumi, frutti di bosco e composti bioattivi tra cui licopene, fenoli, flavonoidi, resveratrolo, florizina, isoflavoni e pectina derivati ​​da pomodoro, uva, mele e agrumi sembrano essere promettenti.

Diversi studi hanno concluso che l’incidenza dell’osteoporosi e delle fratture correlate all’osteoporosi variano in tutta l’Unione europea. Notevoli differenze si riscontrano nell’incidenza dell’osteoporosi, l’incidenza più bassa è registrata nell’area mediterranea. L’effetto benefico è principalmente attribuito a uno specifico modello di abitudini alimentari che include un elevato consumo di verdure, legumi, frutta e cereali; assunzione moderata o elevata di pesce; basso apporto di lipidi saturi; alta assunzione di lipidi insaturi, in particolare di olio d’oliva; assunzione da bassa a moderata di prodotti lattiero-caseari; basso apporto di carne e modesta assunzione di alcol per lo più sotto forma di vino.
E’ appena stata condotta una revisione sistematica per studiare l’effetto del consumo di pesce e carne (o dei loro derivati) sulla densità minerale ossea in studi che hanno valutato l’associazione tra modello alimentare e densità minerale ossea (BMD) e / o rischio di fratture (RF) come esito primario.

Sono stati inclusi 37 studi con un totale di 432.924 soggetti.

I risultati suggeriscono che il tipo di dieta non ha influenzato la BMD o la RF nel 48,2% dei soggetti con MeatDiet e nell’86,5% dei soggetti con FishDiet.

Gli effetti positivi sull’osso sono stati riscontrati nel 3% dei soggetti carnivori e nel 12% dei soggetti che assumevano pesce.

Gli effetti negativi sull’osso sono stati osservati nel 2,7% a FishDiet e nel 47,9% a MeatDiet.

I principali effetti negativi di MeatDiet sono stati riscontrati in soggetti situati nei Paesi Bassi, in Grecia, Germania, Italia, Norvegia, Regno Unito e Spagna che non seguono una dieta mediterranea (92,7%); in Corea (27,1%); in Brasile e Messico (96,4%); e in Australia (62,5%).

Questo studio suggerisce che l’assunzione di proteine ​​dal pesce o dalla carne non è dannosa per le ossa. Gli effetti negativi sull’osso legati a FishDiet sono quasi nulli. Gli effetti negativi sull’osso sono stati associati a MeatDiet nel contesto di una dieta occidentale, ma non nelle diete mediterranee o asiatiche.

L’11% dei soggetti associati a FishDiet ha mostrato un aumento della BMD e una diminuzione del rischio di fratture. I maggiori effetti positivi sono stati rilevati in Asia (59,9%) (Corea del Sud, Cina e Giappone), Nord America (57,5%) (Stati Uniti e Canada) e Sud America (97,8%) (Messico). I minori effetti negativi sono stati segnalati in Australia.

Pesce e pesce di mare hanno potenzialmente un ruolo positivo nella BMD principalmente a causa dei noti effetti anti-infiammatori degli acidi grassi n-3 (FA). Sia le citochine pro-infiammatorie che quelle anti-infiammatorie e ormoni interagiscono per regolare la differenziazione e l’attività degli osteoblasti e degli osteoclasti. Un’interazione benefica tra calcio e n-3 FA è plausibile sulla base del lavoro svolto principalmente su modelli animali e in vitro che suggeriscono l’up-regulation dell’assorbimento duodenale del calcio e la diminuzione dell’escrezione di calcio con il trattamento di AF n-3. Uno studio interessante di Kontogianni et al. (2009) descrive in un campione di donne greche adulte che l’adesione a un regime alimentare vicino alla dieta mediterranea era positivamente correlata alla BMD.

Per quanto riguarda la dieta asiatica, in cui quantità di soia e pesce è più alta rispetto alle popolazioni occidentali, mostra un’incidenza significativamente più bassa di fratture osteoporotiche. In effetti, diverse metanalisi hanno rivelato che l’integrazione di isoflavoni di soia con omega 3 migliora lo stato di salute delle ossa nelle donne.

 

Bigliografia : Perna S, Avanzato I, Nichetti M, D'Antona G, Negro M, Rondanelli M

mar 30 gennaio 2018
VEDI ANCHE
nutre_osteoporosiDi cosa (non) si nutre l’osteoporosi
La base della prevenzione dell'osteoporosi è una sana alimentazione ricca in micronutrienti, polifenoli, flavonoidi e attività fisica.
mar 26 aprile 2022
ossa_obesitaOssa ben nutrite
Una dieta equilibrata che include minerali, proteine, frutta, verdura è importante per le ossa e la prevenzione delle fratture da fragilità.
mar 13 luglio 2021
Parliamo di ...
  • osteoporosi
    Osteoporosi
    L'osteoporosi è una malattia dello scheletro, caratterizzata da una riduzione della densità ossea, con aumento della fragilità e del rischio fratture....
  • proteine
    Proteine
    Le proteine sono composte da aminoacidi e la qualità proteica di un alimento dipende dalla digeribilità e dalla presenza di aminoacidi essenziali non ...