Obesità e disbiosi

Correggere il microbioma aiuta a perdere peso
Bia multifrequenza

L’uso degli integratori probiotici contenenti componenti prebiotici che ha come target il microbiota sta emergendo come un intervento promettente nell’approccio nutrizionale globale per ridurre l’obesità.
La perdita di peso risultante da diete a bassi carboidrati e ad alto contenuto proteico può essere significativa ma è stata anche collegata a effetti potenzialmente negativi sulla salute. Questi sono dovuti all’aumento della fermentazione batterica delle proteine ​​non digerite nel colon e ai successivi cambiamenti nella composizione del microbiota intestinale. Probabilmente una situazione di disbiosi da correggere.

Lo studio

Uno studio clinico di intervento controllato con placebo ha recentemente valutato gli effetti di un integratore sinbiotico sulla composizione, la ricchezza e la diversità del microbiota intestinale. I ricercatori hanno inoltre indagato le associazioni delle specie microbiche con parametri di composizione corporea e biomarcatori dell’obesità in 20 partecipanti a un programma per perdere peso (10 con integratore, 10 controlli).
Il componente probiotico del sinbiotico utilizzato nello studio conteneva Lactobacillus acidophilus, Bifidobacterium lactis, Bifidobacterium longum e Bifidobacterium bifidum e il componente prebiotico era una miscela di galattooligosaccaride.

I risultati non hanno mostrato differenze statisticamente significative nella composizione corporea (massa corporea, BMI, massa grassa corporea, percentuale di grasso corporeo, massa magra corporea e contenuto minerale osseo) tra il gruppo placebo e il gruppo con l’integratore alla fine della sperimentazione clinica (3 mesi).

La supplementazione di simbiotici ha aumentato l’abbondanza di batteri intestinali associati a effetti positivi sulla salute, in particolare Bifidobacterium e Lactobacillus, e ha anche aumentato la ricchezza del microbiota intestinale.

Alla fine della sperimentazione, i ricercatori hanno osservato una tendenza decrescente nella diversità del microbiota intestinale tra il gruppo placebo e i sinbiotici, che può implicare l’effetto della dieta ricca di proteine ​​a basso contenuto di carboidrati utilizzata nel programma di perdita di peso.
L’analisi di regressione eseguita per correlare l’abbondanza di specie dopo l’integrazione con i parametri della composizione corporea e i biomarcatori dell’obesità ha trovato un’associazione tra una diminuzione nel tempo della glicemia e un aumento dell’abbondanza di Lactobacillus, in particolare nel gruppo sinbiotico. La riduzione nel tempo della massa corporea, dell’IMC, della circonferenza vita e della massa grassa è risultata associata a una diminuzione dell’abbondanza di Bifidobacterium.

Significato clinico

I risultati ottenuti supportano la conclusione che il supplemento simbiotico utilizzato in questo studio clinico modula il microbiota intestinale umano aumentando l’abbondanza di microbici potenzialmente benefici.

Bigliografia : Igor N Sergeev, Thamer Aljutaily, Gemma Walton, Eduardo Huarte

mar 11 febbraio 2020
VEDI ANCHE
disbiosi e obesitàCurare la disbiosi per curare l’obesità
La supplementazione con i simbiotici modula il microbiota intestinale aumentando l'abbondanza di specie microbiche potenzialmente benefiche.
mar 9 marzo 2021
Microbiota risponde alla dieta
Le diete a bassissimo contenuto calorico e a bassissimo contenuto di carboidrati inducono cambiamenti nella composizione del microbiota fecale.
mar 8 giugno 2021
Parliamo di ...
  • Sindrome metabolica
    Obesità e sindrome metabolica
    La sindrome metabolica è una condizione patologica associata all’obesità, caratterizzata da adiposità viscerale, dislipidemia, iperglicemia e ipertens...
  • disbiosi-intestinale
    Disbiosi intestinale
    La disbiosi è un qualsiasi cambiamento dell’equilibrio della flora batterica intestinale che determina l’insorgenza di sindromi quali LGS o SIBO.