Dieta Mediterranea, più Green è meglio!

Lo studio randomizzato controllato DIRECT PLUS
mediterranea green

La dieta mediterranea, si sa, è la migliore abitudine alimentare. E se viene modificata per renderla più “green”, probabilmente è meglio ancora.

La steatosi epatica non alcolica (NAFLD), una condizione che colpisce il 25% della popolazione mondiale, è riflessa da un aumento del grasso intraepatico (IHF)% (> 5%) ed è associata a enzimi epatici elevati, resistenza all’insulina, diabete di tipo 2 e aumento del rischio cardiovascolare, nonché con una ridotta diversità del microbioma intestinale e disbiosi.

Per esaminare l’efficacia della dieta mediterranea green (MED), ulteriormente limitata nella carne rossa/lavorata e arricchita con piante verdi e polifenoli sulla steatosi epatica non alcolica (NAFLD), è stato condotto uno studio clinico randomizzato (DIRECT PLUS).

Lo studio

Il DIRECT-PLUS è durato 18 mesi, ha coinvolto 294 partecipanti con obesità addominale/dislipidemia (BMI medio 31,3 kg) di circa 50 anni che sono stati randomizzati a

  1. linee guida dietetiche sane (HDG);
  2. dieta dimagrante MED;
  3. dieta dimagrante green-MED.

Tutti i piani dietetici erano accompagnati da attività fisica.

Entrambi i gruppi MED isocalorici hanno consumato 28 g / giorno di noci (+ 440 mg / giorno di polifenoli forniti).

Il gruppo green-MED ha consumato inoltre tè verde (3-4 tazze / giorno) e frullati verdi di Mankai (un ceppo di pianta acquatica Wolffia globosa; 100 g / giorno di cubetti congelati) (+1240 mg / giorno di polifenoli totali forniti).

Il 62% dei partecipanti aveva steatosi non alcolica (NAFLD). Nel complesso, la prevalenza di NAFLD è scesa a: 54,8% (HDG), 47,9% (MED) e 31,5% (green-MED), p = 0,012 tra i gruppi.

Nonostante una perdita di peso moderata simile in entrambi i gruppi MED, il gruppo green-MED ha ottenuto una perdita % di IHF quasi doppia (-38,9% proporzionalmente), rispetto a MED (-19,6% proporzionalmente; p = 0,035 perdita di peso aggiustata) e HDG (-12,2 % proporzionalmente; p <0,001).

Dopo 18 mesi, entrambi i gruppi MED avevano livelli plasmatici di polifenoli totali significativamente più alti rispetto a HDG, con una maggiore rilevazione di naringenina e acido 2-5-diidrossibenzoico in green-MED.

Una maggiore perdita di IHF% è stata indipendentemente associata a

  • un aumento dell’assunzione di Mankai e noci
  • ridotto consumo di carne rossa/lavorata
  • miglioramento dei biomarcatori sierici di folati e adipochine/lipidi
  • cambiamenti nella composizione del microbioma (beta-diversità) e batteri specifici (p <0,05 per tutti).

In sintesi

La nuova strategia suggerita della dieta mediterranea green, integrata con proteine ​​/ polifenoli vegetali verdi come Mankai, tè verde e noci, e limitata nella carne rossa / lavorata può raddoppiare la perdita di IHF rispetto ad altre strategie nutrizionali salutari e ridurre NAFLD a metà.

Bigliografia : Anat Yaskolka Meir, Ehud Rinott, Gal Tsaban et Al.

mar 26 gennaio 2021
Condividi su :
VEDI ANCHE
dieta med vince sempreDieta mediterranea sempre vincente
Tra tre diete ipocaloriche, la dieta mediterranea induce cambiamenti positivi nella composizione corporea e nel profilo metabolico.
mar 20 luglio 2021
verdure contro infiammazioneFrutta e verdura per un fegato a posto
Assunzione di acido fenolico contro l'epatopatia non alcolica.
lun 27 aprile 2020
Parliamo di ...
  • epatosteatosi
    Epatosteatosi
    L'epatosteatosi, nota anche come fegato grasso, consiste in un eccessivo accumulo di grasso sotto forma di trigliceridi nelle cellule epatiche.
  • disordini-epato-biliari
    Disordini epato-biliari
    I disordini epato-biliari riguardano il fegato e si verificano quando i parametri strutturali e funzionali risultano alterati.