Malattia di Fabry, spesso non diagnosticata

Una malattia rara, ma curabile
Malattia di Fabry, spesso non diagnosticata

I sintomi tipici della Malattia di Fabry sono sintomi gastrointestinali (GI) non specifici, come dolore crampiforme postprandiale, diarrea, nausea e vomito.
Sono sintomi tipici anche della sindrome dell’intestino irritabile o della malattia infiammatoria intestinale.
L’incidenza mondiale di FD è stata stimata tra 1 su 40.000 e 1 su 117.000 maschi nati vivi.
Tuttavia, gli screening neonatali hanno mostrato che l’incidenza di FD è più comune, riportando 1:3.200 con l’inclusione di varianti GLA a esordio tardivo e più lievi .
FD è infatti un errore congenito legato al cromosoma X dovuto a varie mutazioni all’interno del gene dell’α-galattosidasi A (GLA /AGAL), risultando in un’attività AGAL enzimatica carente.
Le manifestazioni Fabry-specifiche sono una conseguenza dell’accumulo sistemico di glicolipidi (globotriaosilceramide [G3]) principalmente nell’endotelio vascolare, in particolare nei reni, nel cuore, nel sistema nervoso e nella pelle da soli o in combinazione con danni da depositi in quasi tutte le cellule tipi (cellule endoteliali, cellule nervose, cellule muscolari, tra gli altri).
L’accumulo progressivo di Gb 3 è accompagnato da un alto rischio di insorgenza precoce di ictus, aritmia pericolosa per la vita, infarto del miocardio o insufficienza cardiaca e renale.

La revisione

Una revisione recente si concentra sulle manifestazioni gastrointestinali nella FD, fornendo una panoramica dei sintomi, la diagnosi corretta, la gestione appropriata da parte di farmaci specifici e concomitanti per FD e gli interventi sullo stile di vita.
Poiché la FD è una malattia rara e il fenotipo clinico è eterogeneo, i pazienti affetti vengono spesso diagnosticati erroneamente. Di conseguenza, i medici dovrebbero considerare la FD come una possibile diagnosi differenziale quando valutano i sintomi gastrointestinali non specifici. Strumenti diagnostici migliorati, come una scala di valutazione dei sintomi gastrointestinali modificata può facilitare la diagnosi di FD in pazienti con sintomi gastrointestinali di causa sconosciuta e quindi consentire l’inizio tempestivo di una terapia specifica per la malattia.

L’ampia terapia sostitutiva enzimatica per via endovenosa con α-galattosidasi A o la terapia orale con chaperone per i pazienti con mutazioni suscettibili migliora il carico della malattia compresi i sintomi gastrointestinali, ma un inizio tempestivo della terapia è fondamentale per la prognosi.

Una dieta speciale a basso contenuto di oligosaccaridi, disaccaridi, monosaccaridi e polioli fermentabili (FODMAP) o pro e prebiotici potrebbe migliorare i sintomi gastrointestinali tipici della FD. Inoltre, è stato riportato un successo preliminare con la somministrazione orale di α-galattosidasi A.

Significato clinico

Oltre a un inizio tempestivo della terapia specifica per FD, i pazienti affetti con sintomi gastrointestinali potrebbero trarre beneficio da una dieta a basso contenuto di FODMAP.

Bigliografia : Malte Lenders , Eva Brand 

mar 15 novembre 2022
Condividi su :
VEDI ANCHE
Dieta low FODMAP contro la IBS
Sotto la guida di un nutrizionista, per farla bene
mar 24 settembre 2019
Intestino malato a dietaIntestino malato a dieta
La dieta può modellare il microbioma intestinale ed essere una strategia efficace per la gestione delle malattie infiammatorie intestinali.
mar 17 maggio 2022
Parliamo di ...
  • Disordini gastrointestinali
    Disordini gastrointestinali
    I disordini gastrointestinali riguardano l’apparato digerente e sono strettamente correlati agli aspetti quali e quantitativi dell’alimentazione.
  • DNA e mutazioni
    Quando si analizza il genoma di una persona per trovare una relazione tra i cambiamenti genetici e la predisposizione alle relative patologie vengono ...
  • patologie-associate
    Patologie associate
    In presenza di patologie, l’atleta dovrà seguire dei protocolli terapeutici ad hoc.