Lo stile vince sempre

Un comportamento sano rimodella il DNA
stile_vince

L’obesità è un’epidemia globale che ha un impatto negativo sulla salute della popolazione e sull’economia delle nazioni. È stato dimostrato che le predisposizioni genetiche hanno un ruolo sostanziale nel metabolismo energetico sbilanciato osservato nell’obesità.
Tuttavia, queste variazioni genetiche non possono spiegare del tutto la massiccia crescita dell’obesità negli ultimi decenni.

Lo stile di vita

Prove crescenti suggeriscono che le caratteristiche dello stile di vita moderno come l’assunzione di cibi ricchi di energia, l’adozione di comportamenti sedentari o l’esposizione a fattori ambientali come gli interferenti endocrini industriali contribuiscono tutti alla crescente epidemia di obesità.

La genetica

I recenti progressi nello studio del DNA e delle sue alterazioni hanno notevolmente aumentato la nostra comprensione della funzione dell’epigenetica nella regolazione del metabolismo energetico e della spesa nell’obesità e nelle malattie metaboliche. Queste modificazioni epigenetiche influenzano il modo in cui il DNA viene trascritto senza alterarne la sequenza. Sono dinamici e riflettono l’interazione tra il corpo e l’ambiente circostante.
In particolare, questi cambiamenti epigenetici sono reversibili, rendendoli bersagli attraenti per interventi terapeutici e correttivi.

Perdita di peso

Sono diverse le alterazioni epigenetiche scoperte in risposta agli interventi di perdita di peso.

Questi cambiamenti sono candidati come biomarcatori per distinguere i responder dai non responder o aiutare a progettare strategie di perdita di peso uniche per ciascun individuo.

Una di queste è la metilazione del promotore del gene correlato all’infiammazione, il TNF (fattore di necrosi tumorale) che subisce una drastica riduzione nei soggetti che hanno perso peso in modo significativo dopo otto settimane di dieta ipocalorica.

Altri geni sono KCNA3 (sottofamiglia del canale voltaggio-dipendente del potassio A membro 3), INSM1 (fattore di repressione associato all’insulinoma 1), NFIX (fattore nucleare IX), ETS (V-ets virus dell’eritroblastosi aviaria E26 oncogene omologo 1) e GLIS3 (famiglia GLIS zinc finger) che sono stati metilati in modo differenziale nei tessuti adiposi dei responder in uno studio randomizzato controllato di 18 mesi (CENTRAL) della dieta mediterranea/a basso contenuto di carboidrati o a basso contenuto di grassi. I risultati hanno rivelato poi differenze sostanziali nella metilazione del DNA tra i responder, che hanno perso più del 16% del loro peso corporeo, e i non responder, nei Geni NUDT3 (nudix idrolasi 3), NCOR2 (corepressore del recettore nucleare 2), LRRC27 (ricco di leucina contenente ripetizioni 27), CRISP2 (proteina secretoria ricca di cisteina 2) e SLFN12 (membro della famiglia schlafen 12), che regolano l’adesione cellulare, il metabolismo, la modificazione della cromatina e la segnalazione del calcio.

Si sono rilevate differenze nella metilazione di geni circadiani critici come CLOCK (regolatore circadiano dell’orologio), BMAL1 (simile a un traslocatore nucleare del recettore degli idrocarburi arilici) e PER2 (orologio circadiano del periodo 2) nel sangue di persone obese e non obese e dopo un programma di perdita di peso di 16 settimane.

Inoltre, la ricerca ha rivelato che la metilazione del DNA dei geni di regolazione dell’appetito, POMC e NPY, potrebbe fungere da biomarcatore del mantenimento della perdita di peso rispetto al recupero del peso.

In p articolare, livelli di metilazione POMC inferiori nel sangue erano collegati al mantenimento della perdita di peso, ma una metilazione NPY inferiore prevedeva un rebound del peso 32 settimane dopo un intervento dietetico.

Nel complesso, questi risultati suggeriscono che la perdita di peso è associata all’inversione dei modelli epigenetici dell’obesità e all’acquisizione di profili più favorevoli associati a una migliore funzione infiammatoria, metabolica e vascolare.

Significato clinico

Le modificazioni epigenetiche contribuiscono al metabolismo energetico disordinato nell’obesità. Lo stile di vita e le strategie di riduzione del peso e i farmaci possono ripristinare l’equilibrio energetico, ripristinando i normali profili epigenetici.

Bigliografia : Abeer M Mahmoud

mar 22 febbraio 2022
Condividi su :
VEDI ANCHE
dieta secondo geneticaInfluenza della genetica nella risposta alla dieta
Una restrizione energetica induce adattamenti del dispendio energetico a riposo e dell'attività fisica in relazione alla predisposizione genetica
mer 24 giugno 2020
colpa_geneticaTutta colpa della genetica?
Le variazioni di determinate regioni genomiche sono associate ai livelli circolanti di alcuni metaboliti legati a peso corporeo e metabolismo.
mar 18 gennaio 2022
Parliamo di ...
  • nutrigenetica
    Nutrigenetica
    Ambiente e dieta (qualità e quantità) sono i principali fattori che influenzano la salute e la malattia di un individuo
  • nutrizione e genoma
    Nutrizione e genoma
    Nutrigenetica e nutrigenomica, due nuove approcci per una nutrizione clinica sempre più personalizzata
  • obesità e sindrome metabolica
    Obesità e sindrome metabolica
    La sindrome metabolica è una condizione patologica associata all’obesità, caratterizzata da adiposità viscerale, dislipidemia, iperglicemia e ipertens...