Il ruolo della dieta nella sindrome metabolica

L’alimentazione riveste un ruolo fondamentale
Proteine, indispensabili a dieta

La sindrome metabolica è una condizione patologica caratterizzata dalla presenza concomitante di più disfunzioni che espongono al rischio cardiovascolare.

I maggiori fattori di rischio per l’insorgenza della sindrome sono l’obesità addominale e la resistenza ad insulina.

Quest’ultima è inoltre il pricipale criterio diagnostico della sindrome in quanto viene sempre riscontrata in associazione agli altri fattori di rischio – ipertensione e dislipidemia.

Una dieta ricca in grassi saturi e colesterolo – aterogenica – aumenta il rischio cardiovascolare.

Per questa ragione, ai soggetti colpiti da sindrome metabolica viene suggerita una dieta che comprenda frutta, verdura, latticini poveri in grassi e carni bianche. Una riduzione nell’apporto di sodio può favorire l’abbassamento della pressione sanguigna.

Al contrario, viene fortemente sconsigliato il consumo di carne rossa, grassi saturi, dolci e bevande contenenti zucchero.

Le diete ricche in carboidrati sono altrettanto pericolose in quanto possono innalzare i livelli di  trigliceridi ed abbassare i livelli di lipoproteine ad alta densità aggravando così la dislipidemia caratteristica della sindrome.

Lo studio

L’associazione tra alimenti e sindrome metabolica è stata studiata su un campione misto di 1334 individui di età compresa fra 57 e 78 anni di età registrando le abitudini dietetiche mediante diario alimentare.

Dall’analisi è emerso che il consumo di verdure, legumi e pesce previene il rischio di sviluppo della sindrome metabolica sia negli uomini che nelle donne. Al contrario, una dieta ricca in carni rosse presentava una forte associazione con i disordini caratteristici della sindrome, in particolare la dislipidemia.

Significato clinico

L’alimentazione riveste dunque un ruolo fondamentale nella prevenzione e patogenesi della sindrome.

Tutti i pazienti diagnosticati con sindrome metabolica, oltre modificare la composizione della propria dieta dovrebbero aumentare i livelli di attività fisica.

Il muscolo scheletrico è infatti il tessuto maggiormente sensibile all’azione dell’insulina.

Bigliografia :
Fonti :

lun 7 marzo 2011
VEDI ANCHE
esami laboratorio medicoAdiponectina e sindrome metabolica
Sembra che la determinazione dell'adiponectina possa essere utilizzata come efficace marcatore nel decorso e nelle complicanze della sindrome metaboli...
gio 19 aprile 2007
alimenti sempliciAlimenti semplici, alimenti sani
L’assunzione di alimenti trasformati aumenta l’intake di sodio, fosforo, potassio e zuccheri aumentando il rischio di malattia renale cronica.
mar 16 marzo 2021
Parliamo di ...
  • Prevenzione cardiovascolare
    Prevenzione cardiovascolare
    Esistono diversi fattori di rischio cardiovascolari; è quindi possibile intervenire su quelli modificabili per prevenire l’insorgenza di malattia.
  • Sindrome metabolica
    Obesità e sindrome metabolica
    La sindrome metabolica è una condizione patologica associata all’obesità, caratterizzata da adiposità viscerale, dislipidemia, iperglicemia e ipertens...