Il respiro delle cellule

Quando le cellule adipose respirano male
colpa_genetica

Il tessuto adiposo in caso di obesità contribuisce all’infiammazione cronica di basso grado che predispone al diabete di tipo 2 e alle malattie cardiovascolari. Recenti studi in vitro suggeriscono che sia l’ipossia a indurre l’infiammazione.

Anche se l’ipossia del tessuto adiposo è documentata in modelli murini di obesità, negli esseri umani le prove sono limitate.
Uno studio ha indagato gli effetti della perdita di peso indotta dalla dieta sulla pressione dell’ossigeno, il flusso sanguigno, la densità capillare nel tessuto adiposo addominale sottocutaneo, la morfologia del trascrittoma, i marker di infiammazione sistemica e la sensibilità all’insulina negli esseri umani.

Lo studio

Quindici individui sovrappeso e obesi hanno subito un intervento dietetico, costituito da una dieta VLCD, 500 kcal / d per 5 settimane seguita da una dieta equilibrata di 4 settimane.

Il peso corporeo, la percentuale di grasso corporeo e la dimensione degli adipociti sono diminuiti in modo significativo. La dieta ha marcatamente ridotto anche la pO2 e migliorato la sensibilità all’insulina, ma non ha alterato il flusso sanguigno. Il tutto si accompagna all’aumento dell’espressione genica di marcatori di biogenesi mitocondriale e del consumo di ossigeno non mitocondriale.
La dieta ha migliorato la sensibilità all’insulina.

Bigliografia :
Fonti :

mar 21 febbraio 2017
VEDI ANCHE
diete-vegetarianeAntiossidanti fanno buon sangue
Più la dieta ha livelli alti di antiossidanti, meno il sangue ha profilo aterogeno
mer 20 gennaio 2016
regime-di-prevenzione-antitumoraleAlimentazione e polifenoli.
Per misurare le concentrazioni di polifenoli in un alimento, il metodo più semplice è determinare il valore ORAC (la capacità di assorbimento dei radi...
lun 4 aprile 2016
Parliamo di ...