Fegato a dieta

Uno studio randomizzato controllato
Fegato a dieta

La steatosi epatica associata a disfunzione metabolica (MAFLD), un termine recentemente proposto per la steatosi epatica non alcolica (NAFLD), è attualmente la malattia epatica più comune.
La MAFLD colpisce persone in età sempre più giovane. Il trattamento principale per i pazienti con MAFLD è la perdita di peso indotta dalla dieta e l’esercizio fisico; tuttavia, una dieta eccessiva è poco efficace.

Lo studio

Uno studio recente ha valutato se un intervento dietetico ad alto contenuto proteico e basso indice glicemico (HPLG) portasse un miglioramento del parametro di attenuazione controllata (CAP, misura ecografica dei lipidi epatici) e dei relativi marcatori metabolici nella MAFLD. Si tratta di uno studio di intervento randomizzato, controllato, a gruppi paralleli, della durata di 12 settimane.

I ricercatori hanno arruolato 63 partecipanti con MAFLD randomizzandolo tra il gruppo dietetico HPLG (40–45% di proteine, 20–25% di carboidrati, 30–35% di grassi) e il gruppo di controllo a dieta bilanciata (10–20% di proteine, 50–65% di carboidrati, 20–30% di grassi). Entrambe le diete avevano lo stesso livello ipocalorico (peso corporeo iniziale × 25 kcal/kg × 0,7) e venivano prescritte ad libitum all’interno di liste di limiti alimentari.

59 partecipanti hanno completato l’intervento e sono stati inclusi nell’analisi finale. L’età media era di 39,3 ± 8,9 anni e il 66,1% erano uomini.

Riflettendo la compliance al trattamento, l’assunzione di proteine e carboidrati era significativamente più alta e più bassa, rispettivamente, nel gruppo HPLG rispetto ai controlli. Alla settimana 12, la CAP era significativamente ridotta in entrambi i gruppi. Tuttavia, nel gruppo HPLG è stata osservata una riduzione significativamente maggiore del grasso epatico rispetto al gruppo di controllo. La perdita di peso corporeo è stata più marcata nei partecipanti al gruppo HPLG (6,52 kg) rispetto ai soggetti di controllo (2,00 kg). Inoltre, la percentuale di grasso corporeo nel gruppo HPLG è stata significativamente ridotta rispetto al gruppo di controllo.
I miglioramenti di grasso viscerale, pressione sanguigna, fattori di rischio cardiovascolare e indicatori correlati alla glicemia sono stati rilevati nei pazienti con MAFLD assegnati alla dieta HPLG, ma non in quelli a cui era stata prescritta la dieta di controllo.

Significato clinico

Rispetto alla dieta bilanciata tradizionale, una dieta HPLG ha portato a una significativa remissione della CAP, riduzione del peso e del grasso corporeo e miglioramento dei marcatori metabolici nei pazienti con MAFLD.

Bigliografia : Ping Sun, Liping Huang, Ping Shuai et al

mar 24 maggio 2022
Condividi su :
VEDI ANCHE
bambini e nafldBambini, NAFLD e disbiosi
Il microbioma intestinale, il metabolismo di glucosio e lipidi svolgono un ruolo importante nello sviluppo della steatosi epatica non alcolica nei bam...
mar 23 novembre 2021
verdure contro infiammazioneFrutta e verdura per un fegato a posto
Quali sono i composti benefici?
lun 27 aprile 2020
Parliamo di ...
  • epatopatia-cronica-conclamata
    Epatopatia cronica conclamata
    L’epatopatia cronica conclamata è la forma di epatite che presenta un decorso a lungo termine con sintomi e segni manifesti.
  • epatosteatosi
    Epatosteatosi
    L'epatosteatosi, nota anche come fegato grasso, consiste in un eccessivo accumulo di grasso sotto forma di trigliceridi nelle cellule epatiche.
  • dieta-iperproteica-ipoglucidica
    Dieta iperproteica-ipoglucidica
    La dieta iperproteica-ipoglucidica è caratterizzata da ridotto consumo di carboidrati ed elevato apporto di proteine, con l’obiettivo di un calo ponde...