Curarsi mangiando

Uno studio dice che si può
Un piccolo studio randomizzato ha intrigato la platea della riunione scientifica 2017 della Scientific Society of Heart Failure of America, anche se si trattava solo di una anticipazione dei primi risultati dello studio GOURMET- HF.

Lo studio era stato disegnato per valutare i cambiamenti del punteggio del QOL di Kansas City Questionnaire Cardiomyopathy (KCCQ) per i pazienti affetti da insufficienza cardiaca attraverso un intervento nutrizionale che consisteva nella consegna a domicilio dei pasti adatti.

I pasti erano a basso contenuto di sodio e alto contenuto di potassio.

La limitazione del sodio è una pietra miliare delle raccomandazioni alimentari tradizionali per i pazienti con insufficienza cardiaca, ma alcuni studi condotti in pazienti con insufficienza cardiaca sia cronica che acuta (ADHF) hanno associato la restrizione di sodio con la restrizione calorica, con il rischio di malnutrizione.

Il trial ha randomizzato 66 pazienti affetti da ADHF di almeno 55 anni dimessi da un ospedale, escludendo quelli con elevati livelli di potassio o basso GFR, in tre centri principali. La metà è stata assegnata ad un modello alimentare di consuetudine e l’altra metà alla dieta standard + una consegna a casa settimanale dei pasti preconfezionati, compatibili con la dieta per il trattamento con i livelli di sodio ridotti (DASH-SRD).

La versione GOURMET-HF della dieta DASH forniva non più di 1500 mg di sodio e 4500 mg di potassio al giorno, quest'ultimo ridotto a 3000 mg / die in pazienti a rischio di iperkaliemia come quelli con insufficienza renale o trattamento con diuretici risparmiatori di potassio o antagonisti dell'aldosterone. I livelli sierici di potassio e creatinina non erano significativamente diversi tra i gruppi.
 
Questo trattamento è durato 4 settimane e i pazienti sono stati seguiti per un totale di 12 settimane per la valutazione dell’end point finale primario (punteggio di qualità della vita –KCCQ).

Il KCCQ, uno strumento a 23 elementi auto-somministrato, valuta i limiti fisici, i sintomi, l'auto-efficacia, l'interferenza sociale e il QOL complessivo nei pazienti con HF. Il punteggio varia da 0 a 100, con punteggi più alti che indicano un migliore QOL. Il punteggio di riepilogo KCCQ prevede in modo indipendente i risultati clinici come l'ospedalizzazione e la mortalità, è una misura affidabile e valida nei pazienti con HF che è più sensibile al cambiamento rispetto a altre misure, in particolare nei pazienti con comorbidità. Un cambiamento nel punteggio KCCQ di 5 punti è clinicamente significativo.

I risultati hanno dimostrato che nel gruppo d’intervento, erano ridotti i ricoveri, così come i giorni di permanenza in ospedale.

Certo, fornire oltre che le raccomandazioni, anche i pasti alla dimissione è una strategia costosa, ma i risultati si vedono, soprattutto nell’anziano, che è a maggior rischio di malnutrizione.

http://www.medscape.com/viewarticle/885966?nlid=118027_4562&src=wnl_dne_170921_mscpedit&uac=144674SN&impID=1438494&faf=1
 

Autori: SL Hummel
Fonte: Medscape
Link della fonte: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT02148679

Dietosystem, da sempre a fianco dei nutrizionisti italiani, ha appena rilasciato una nuova versione della Suite Nutrizionale, il software che fa da cassetta degli attrezzi per il professionista della nutrizione.  La Suite coniuga l’analisi alimentare, l’analisi della composizione corporea e la plicometria per arrivare al trattamento dietetico super personalizzato.
Scopri qui cosa c’è di nuovo nell’aggiornamento 15.0!

Bigliografia :

Fonti :

lun 25 settembre 2017
VEDI ANCHE
Parliamo di …