Troppi geni per il troppo peso

La composizione chimica del corpo umano_web

Identificare i geni coinvolti nella patogenesi dell’obesità attraverso approcci tradizionali, come la mappatura mediante analisi di linkage, potrebbe non essere semplice.

L’obesità è infatti una patologia multifattoriale.

Tuttavia, si può aggiungere oggi un nuovo gene candidato.

Un gruppo di ricercatori dell’Istituto di Neurogenetica e Neurofarmacologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Cagliari (Inn-Cnr) suggerisce una correlazione tra l’obesità ed un gene, denominato FTO (Fat Mass- And Obesity-Associated).

Hanno in effetti identificato alcune varianti geniche associate all’obesità, analizzando un campione di oltre 4000 individui sardi, di età compresa tra i 14 e i 102 anni, provenienti da quattro città della Valle di Lanusei, nella provincia dell’Ogliastra.

In particolare, una di queste varianti, cioè una sequenza specifica all’interno del gene FTO, è presente con una frequenza molto elevata (46%) e correlata in maniera altamente significativa all’aumento di tre caratteri tipici dell’obesità, l’indice di massa corporea-BMI (p = 8.6 x 10-7), la circonferenza dei fianchi (p = 3.4 x 10-8) ed il peso corporeo (p= 9.1 x 10-7). Questa nuova acquisizione si aggiunge alle altre con approccio genetico che insieme aprono nuove prospettive per il trattamento dell’obesità.

CNR comunicato stampa

Bigliografia :
Fonti :

gio 6 settembre 2007
VEDI ANCHE
fitness_cuoreBasta un’ora di attività fisica al giorno per annullare la tendenza genetica all’obesit
Lo studio dimostra che l'esercizio fisico puo' compensare, negli adolescenti, la predisposizione genetica all'obesita' legata alla variazione del gene...
lun 12 aprile 2010
Battere i geni muovendosi
La predisposizione genetica all’obesità si può vincere
mer 18 settembre 2019
Parliamo di ...