Mangiare di notte fa ingrassare?

Sindrome da Alimentazione Nottura e obesità
Ingrassare mangiando di notte

Per la prim a volta nel 1955, Stunkard descrisse la sindrome da alimentazione notturna (NES) come un disturbo caratterizzato da anoressia al mattino, iperfagia alla sera e insonnia nei pazienti con obesità resistente al trattamento.

La prevalenza della NES nei pazienti obesi è tra il 6% e il 16%, mentre è stato riportato che la frequenza della NES variava tra il 4,3% e il 14% nelle persone in cerca di trattamento per perdere peso.

In uno studio condotto su persone di peso normale, la frequenza di NES è risultata pari allo 0,4%. In generale, la prevalenza della NES è riportata come 1–1,5% nella popolazione adulta.

Lo studio

Uno studio recente ha indagato la frequenza e la relazione tra la sindrome da alimentazione notturna nei partecipanti obesi e non obesi.

Hanno partecipato 420 persone di età compresa tra 18 e 65 anni. I dati sociodemografici dei partecipanti, il Night Eating Questionnaire (NEQ) e il Beck Depression Inventory (BDI) sono stati somministrati con la tecnica dell’intervista faccia a faccia.

L’età media dei partecipanti era di 42 ± 13 anni e il 68,6% era di sesso femminile. L’indice di massa corporea (BMI) medio dei partecipanti era 31,8 ± 8,2.

La prevalenza di NES era del 10%!

La maggiore frequenza di NES nei pazienti con obesità patologica è risultata statisticamente significativa rispetto a quelli senza obesità patologica.

Il punteggio BDI medio era 23,5 ± 10,86 nel gruppo NES e 12,18 ± 88,95 nel gruppo non NES. Una differenza significativa tra i due gruppi.

Significato clinico

Poiché l’obesità ha un posto importante nei servizi di assistenza sanitaria di base, è importante conoscere la relazione tra NES e depressione. Il riconoscimento della NES e la considerazione del follow-up e del trattamento pianificati nei richiedenti aiuteranno a trattare l’obesità in modo più efficace. 

Bigliografia : Cuneyt Sutcu, Gulseren Pamuk, Kurtulus Ongel

mar 25 maggio 2021
Condividi su :
VEDI ANCHE
Di notte è meglio spegnere la luce
La maggior parte degli organismi viventi ha variazioni fisiologiche e comportamentali che si ripetono in funzione delle 24 ore di una giornata, e sono...
mar 29 aprile 2014
Piccoli obesi: dormendo meno, mangiano di più
La privazione del sonno è associata a una maggiore assunzione di energia durante la notte, specie nei bambini piccoli che assumono bevande a base di l...
mar 13 gennaio 2015
Parliamo di ...
  • storia_clinica_esame_obiettivo
    Storia clinica ed esame obiettivo
    La valutazione della storia clinica tramite un’anamnesi completa e l’esame obiettivo rappresentano la prima fase dell’analisi dello stato nutrizionale...
  • L'antropoplicometria
    L'antropoplicometria
    L’antropoplicometria è una metodica di analisi della composizione corporea che monitora la distribuzione di massa grassa e massa magra.
  • Indagine psicometrica
    L’indagine psicometrica
    L’indagine psicometrica indaga il comportamento alimentare del paziente, attraverso questionari autosomministrati e interviste strutturate.
  • Il comportamento alimentare
    Il comportamento alimentare
    Il comportamento alimentare è influenzato da diversi fattori quali: palatabilità del cibo, sensazioni di fame e sazietà, fattori psicologici, genetici...
  • psicometria
    La psicometria dell’alimentazione
    La psicometria dell’alimentazione permette di indagare, attraverso test validati, i disturbi del comportamento alimentare e dell’immagine corporea....