La compliance alla dieta è prevedibile

Quali pazienti sono più complianti?

Uno studio osservazionale longitudinale retrospettivo condotto a Pavia, ha valutato il tasso di abbandono dei pazienti a 6 e 12 mesi dalla prima visita ambulatoriale endocrinologica.
Il gruppo di studio ha inoltre analizzato i fattori di rischio di abbandono tra le seguenti aree: esami biochimici, misure antropometriche, test psicologici, dati personali e abitudini di vita come il fumo, attività e patologie.

Il campione è composto da 913 soggetti (682 donne e 231 uomini), con un’età media di 50,88 anni (± 15,70), con un BMI di 33,11 ± 5,65 kg / m2.

Alla prima visita, i pazienti sono stati sottoposti alla raccolta dei dati biografici, misurazioni antropometriche, storia fisica e patologica, test psicologici ed esami biochimici.

Il 51,9% dei pazienti ha abbandonato la terapia a 6 mesi dalla prima visita e sembra che il 69,5% dei soggetti abbandoni la terapia a 12 mesi.
Il principale fattore predittivo dei fattori di rischio di abbandono a 6 e 12 mesi è la perdita di peso durante i primi 3 mesi.
Per quanto riguarda i predittori ematologici, i globuli bianchi e il livello di ferro hanno predetto l’abbandono a 12 mesi.
I pazienti che hanno introdotto l’attività fisica hanno avuto una riduzione del – 17% (a 6 mesi) e del -13% (a 12 mesi) del rischio di abbandono. I pazienti classificati come “pensionati” hanno avuto un calo del rischio di abbandono rispetto ad altre categorie di lavoratori. Il rischio di drop-out a 12 mesi diminuisce nei pazienti con una precedente storia di cancro, disturbi endocrini e psichici e comportamentali (p <0,001).

Per concludere, il principale fattore che predispone i pazienti a continuare la terapia o ad abbandonarla è il successo (o il fallimento) della dieta nel periodo iniziale, basato sul peso perso (o non perso) nei primi mesi di inizio della terapia.

Per una compliance a lungo termine del paziente a dieta, è a vostra disposizione il protocollo Dieta Integrata.  Avete già fatto l’accesso alla piattaforma gratuitamente? Guardate qui.

Bigliografia : Perna S, Spadaccini D, Riva A, Allegrini P, Edera C, Faliva MA, Peroni G, Naso M, Nichetti M, Gozzer C, Vigo B, Rondanelli M.
Fonti : Endocrine. 2018 Feb 22. doi: 10.1007/s12020-018-1563-y https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29470776

mar 6 marzo 2018
Condividi su :
VEDI ANCHE
app nutrizionistaAPP + nutrizionista aiutano a perdere peso
Programma personalizzato per la perdita di peso online per adulti con sovrappeso e obesità: una prova controllata randomizzata.
gio 12 novembre 2020
dieta per grandi obesiBIA predice i risultati della dieta
Insieme ai test di esercizio cardiopolmonare
mar 21 maggio 2019
Parliamo di ...
  • il-food-intake
    Il Food Intake
    Il food intake è l’analisi dei consumi alimentari; questa consente di analizzare l’apporto energetico e di impostare un piano dietetico personalizzato...
  • i-disordini-comportamento-alimentare
    I Disordini del Comportamento Alimentare
    I Disordini del Comportamento Alimentare sono caratterizzati da continue variazioni di peso e da forti preoccupazioni per il cibo, il peso e la forma ...
  • la-cottura-degli-alimenti
    La cottura degli alimenti
    La cottura degli alimenti può influenzare la biodisponibilità dei nutrienti; conoscere i metodi di cottura favorisce una sana alimentazione.