La chetogenica e il melanoma

Una nuova frontiera per la terapia complementare n
La chetogenica e il melanoma

Prove crescenti supportano l’uso di diete chetogeniche a basso contenuto di carboidrati/ad alto contenuto di grassi come terapia aggiuntiva contro il cancro. Tuttavia, non è chiaro quali fattori genetici, metabolici o immunologici contribuiscano all’effetto benefico delle diete chetogeniche.

Lo studio

Un gruppo di ricercatori austriaci ha indagato l’effetto delle diete chetogeniche sulla progressione e sul metabolismo di xenotrapianti di melanoma geneticamente e metabolicamente eterogenei, nonché sullo sviluppo di metastasi di melanoma nei topi con un sistema immunitario funzionale.

Topi portatori di xenotrapianti di melanoma mutante BRAF, mutante NRAS e wild-type, nonché topi portatori di allotrapianti di melanoma altamente metastatico sono stati alimentati con una dieta di controllo o diete chetogeniche, diverse nella loro composizione di trigliceridi, per valutare l’effetto delle diete chetogeniche sulla crescita del tumore e metastasi.

I ricercatori hanno eseguito un’analisi metabolomica mirata approfondita nel plasma e negli xenotrapianti per chiarire i potenziali meccanismi antitumorali in vivo.

Ebbene, le diete chetogeniche hanno effettivamente ridotto la crescita del tumore nei topi immunocompromessi portatori di xenotrapianti di melanoma umano geneticamente e metabolicamente eterogenei.

Inoltre, le diete chetogeniche hanno esercitato un effetto di riduzione della metastasi nel modello murino immunocompetente di melanoma singenico.

L’analisi mirata dei metabolomi plasmatici e tumorali ha rivelato che le diete chetogeniche hanno indotto cambiamenti distinti nel metabolismo degli aminoacidi. È interessante notare che le diete chetogeniche hanno ridotto i livelli di acido alfa-amino adipico, un biomarcatore del cancro, in circolazione ai livelli osservati nei topi privi di tumore. Inoltre, l’acido alfa-amino adipico è stato ridotto negli xenotrapianti dalle diete chetogeniche. Inoltre, le diete chetogeniche hanno aumentato i livelli di sfingomielina nel plasma e l’idrossilazione di sfingomieline e acilcarnitine nei tumori.

Significato clinico

Le diete chetogeniche hanno indotto effetti antitumorali nei confronti del melanoma indipendentemente dal background genetico del tumore, dalla sua firma metabolica e dallo stato immunitario dell’ospite. Inoltre, le diete chetogeniche hanno influenzato contemporaneamente più vie metaboliche per creare un ambiente sfavorevole alla proliferazione delle cellule del melanoma, supportando il loro potenziale come approccio nutrizionale complementare alla terapia del melanoma.

Bigliografia : Daniela D. Weber, Sepideh Aminzadeh-Gohari et al

mar 13 settembre 2022
Condividi su :
VEDI ANCHE
obesita_pelleObesità e pelle
L’obesità è coinvolta nella patogenesi di alcune malattie infiammatorie croniche della pelle e la perdita di peso potrebbe migliorarne il decorso
mar 12 aprile 2022
Chetogenica migliora la qualità della vita nei pazienti oncologiciChetogenica migliora la qualità della vita nei pazienti oncologici
La dieta chetogenica ha migliorato la qualità della vita e normalizzato il peso corporeo nei pazienti oncologici che hanno partecipato allo studio.
mar 21 settembre 2021
Parliamo di ...
  • nutrizione-e-cancro
    Nutrizione e cancro
    L’alimentazione può avere un importante ruolo nella prevenzione e nel trattamento dei tumori, rallentandone il decorso patologico.
  • dieta-chetogenica
    Dieta chetogenica
    La dieta chetogenica è un protocollo terapeutico basato sulla riduzione dell’apporto calorico e di carboidrati, che induce l’organismo a utilizzare i ...
  • banner_chetogenica_1200x800
    Protocollo chetogenico per il dimagrimento
    Il protocollo Dieta Integrata Dietosystem è un piano chetogenico integrato, che prevede l’uso dell’integratore alimentare ad alto indice proteico Prot...