Invecchiare bene è possibile

Con la dieta giusta
invecchiare-bene

Il profilo infiammatorio cronico di basso grado (CLIP) è uno dei meccanismi patogenetici coinvolti nel diabete di tipo 2 (T2D). Attualmente, esistono prove limitate sul ruolo degli interventi combinati sullo stile di vita sulla CLIP nel diabete di tipo 2.

Lo studio

Un folto gruppo di ricercatori olandesi ha indagato se un intervento combinato sullo stile di vita di 13 settimane, utilizzando dieta ipocalorica ed esercizi di resistenza più allenamento ad intervalli ad alta intensità con o senza consumo di una bevanda proteica, potesse influenzare la CLIP negli anziani con T2D.

Si tratta di un’analisi post-hoc dello studio PROBE, su 114 adulti (≥55 anni) con obesità e (pre-) diabete di tipo 2.

I ricercatori hanno misurato la proteina C-reattiva (CRP), le citochine proinfiammatorie, l’interleuchina (IL)-6 , fattore di necrosi tumorale (TNF)-α e proteina chemoattrattiva dei monociti (MCP)-1, citochine antinfiammatorie IL-10, antagonista del recettore IL-1 (RA) e recettore solubile del fattore di necrosi tumorale (sTNFR) 1, adipochine leptina e adiponectina e i biomarcatori di glicazione carbossimetil-lisina (CML) e il recettore solubile per i prodotti finali della glicazione avanzata (sRAGE) da campioni di sangue a digiuno.

I ricercatori non hanno riscontrato differenze significative nelle risposte CLIP tra chi assumeva la proteina e i gruppi di controllo. Per tutti i partecipanti, IL-1RA, leptina e adiponectina sono diminuiti significativamente dopo 13 settimane, mentre i rapporti TNF-α/IL-10 e TNF-α/IL-1RA sono aumentati.

La CRP è aumentata del 12% nei partecipanti con CLIP da basso a medio ed è diminuita del 36% in quelli con CLIP elevato.

La variazione della leptina e dell’IL-1RA è risultata positivamente associata alla variazione della massa grassa e alla resistenza all’insulina. Il cambiamento della massa magra non è stato associato a nessuno dei biomarcatori.

Significato clinico

13 settimane di intervento combinato sullo stile di vita, con o senza bevanda proteica, ha portato a una riduzione delle adipochine circolanti e della citochina antinfiammatoria IL-1RA e aumento dei rapporti infiammatori TNF-α/IL-10 e TNF-α/IL-1RA negli anziani con obesità e T2D.

L’effetto su CLIP era inversamente correlato allo stato infiammatorio basale.

 

Bigliografia : Robert G Memelink, Rose Njemini, Minse J J de Bos Kuil et al.

mar 7 maggio 2024
Condividi su :
VEDI ANCHE
proteine dopo i 50Anziani arzilli e in formissima
La sarcopenia nell’anziano si può evitare
mar 17 novembre 2015
condizioni-fisiologiche-donnaInvecchiare in salute
Meno carboidrati, più proteine
mar 16 maggio 2017
Parliamo di ...
  • fabbisogni-nell-età-senile
    Fabbisogni nell’età senile
    Gli anziani sono a forte rischio di malnutrizione; è importante valutare lo stato nutrizionale e seguire un’alimentazione che prevenga le carenze.
  • diabete-mellito
    Diabete mellito
    Il diabete è una malattia metabolica cronica caratterizzata da un aumento del glucosio nel sangue, dovuto a un deficit di insulina.