Farine, grani e grane

Aggiornamenti dalla scienza
Farine, grani e grane

Oggi sono circa 463 milioni le persone colpite da diabete di tipo 2 nel mondo e si stima che questo numero raggiungerà i 578 milioni entro il 2030 e i 700 milioni entro il 2045.
Il rischio di diabete è legato a vari fattori dello stile di vita come attività fisica, obesità, alcol, fumo e dieta scorretta. Tra questi, la dieta è l’elemento più importante.

I cereali integrali

I cereali integrali (WG), come elementi di una dieta sana, contengono crusca esterna, germe ed endosperma interno dei cereali, che sono ricche fonti di fibre alimentari, antiossidanti e vari micronutrienti.
I cereali integrali possono diminuire la glicemia influenzando il metabolismo del glucosio nei muscoli scheletrici. Gli effetti glucoregolatori dei cereali integrali possono essere descritti anche dal loro alto contenuto di fibre. La fibra può limitare la secrezione di insulina rallentando lo svuotamento gastrico e il picco glicemico.

Il consumo di queste fibre riduce le risposte glicemiche postprandiali. Il maggiore volume e la minore densità di energia dei cereali integrali possono anche promuovere la sazietà.
Rispetto ai cereali raffinati, i cereali integrali sono più difficili da digerire e, pertanto, possono comportare una risposta insulinica inferiore e una glicemia postprandiale più controllata.
I dati relativi all’associazione tra assunzione di cereali integrali e diabete di tipo 2 non sono del tutto omogenei.

Diversi studi prospettici hanno mostrato una riduzione del 20%-30% del rischio di diabete di tipo 2 da una maggiore assunzione di WG o fibre di cereali. Nelle due ultime revisioni al riguardo, i ricercatori hanno riscontrato un’associazione protettiva tra consumo di cereali integrali e diabete.

La meta-analisi

I ricercatori hanno analizzato undici studi prospettici di coorte, inclusi 463.282 partecipanti e 37.249 casi di diabete di tipo 2. Il rischio relativo raggruppato (RR) per la categoria di assunzione di WG più alta rispetto a quella più bassa indicava una diminuzione del 21% del rischio di T2D.
Ogni consumo aggiuntivo di 50 grammi di WG al giorno è risultato associato a una riduzione del 23% del rischio di T2D. L’associazione non lineare di WG e T2D ha rivelato che l’assunzione di 60 grammi di WG al giorno darebbe il massimo beneficio per prevenire il T2D.
I risultati non sono stati influenzati da nessuno studio individuale.
Non è stata documentata alcuna evidenza di bias di pubblicazione.

Significato clinico

Questa meta-analisi ha dimostrato che il consumo di WG era inversamente associato al rischio di incidenza del diabete di tipo 2. Una maggiore assunzione di WG è stata associata a un’incidenza inferiore del 23% di diabete di tipo 2.
Inoltre, l’assunzione ottimale di cereali integrali era di circa 50-60 grammi al giorno.

Bigliografia : Faezeh Ghanbari-Gohari, Seyed Mohammad Mousavi, Ahmad Esmaillzadeh

mar 21 giugno 2022
Condividi su :
VEDI ANCHE
dieta salva cuoreContro il colesterolo mele mangio
Una mela al giorno leva il colesterolo di torno. Si, anche 2 mele al giorno fanno tanto bene al cuore e alla circolazione.
lun 11 maggio 2020
sano_microbiotaCosa è sano per un sano microbiota?
Dieta e ambiente influenzano il microbioma intestinale e hanno implicazioni dirette sulla risposta immunitaria che influisce sull'IBD.
mar 26 aprile 2022
Parliamo di ...
  • Carboidrati
    Carboidrati
    I carboidrati, contenuti soprattutto in cereali e derivati, sono la principale fonte di energia dell’organismo che li assorbe facilmente.
  • Alimenti funzionali
    Gli alimenti funzionali
    Gli alimenti funzionali migliorano lo stato di salute e riducono il rischio malattia; vengono consumati con la dieta abituale.
  • Diabete mellito
    Il diabete è una malattia metabolica cronica caratterizzata da un aumento del glucosio nel sangue, dovuto a un deficit di insulina.