Endometriosi e PNEI

Uno studio sui topolini
intestino e psoas

L’endometriosi è una malattia estrogeno-dipendente cronica e spesso dolorosa che colpisce fino al 10% delle donne in età riproduttiva. Come si sviluppi non è ancora ben compreso e per una diagnosi certa è necessario un intervento chirurgico. Gli scienziati dell’American Chemical Society hanno rivelato, in un articolo pubblicato in ACS’ Journal of Proteome Research, che è possibile sviluppare un test del sangue per diagnosticare la patologia.

L’endometriosi si verifica quando il tessuto che normalmente riveste l’interno dell’utero, l’endometrio, cresce al di fuori di esso. Di solito coinvolge le ovaie, l’intestino o il tessuto che riveste il bacino. Raramente il tessuto endometriale può estendersi oltre la regione pelvica.

Nell’endometriosi, il tessuto endometriale dislocato, continua ad agire come farebbe normalmente: si addensa, si rompe e sanguina con ogni ciclo mestruale. Quando l’endometriosi coinvolge le ovaie si possono formare delle cisti chiamate endometriomi. Il tessuto intorno può irritarsi e infine sviluppare tessuto cicatriziale e aderenze – tessuto anomalo che lega gli organi insieme. In alcuni casi si possono sviluppare problemi di fertilità, aspetto già parte integrante della diagnostica e cure integrate anche in ambito Pnei e endocronologia. Per verificare se una donna è affetta da endometriosi è necessaria la chirurgia laparoscopica.

La nuova ricerca, supportata anche in ambito Pnei e endocrinologia, suggerisce che la condizione è correlata ad un cambiamento nel metabolismo lipidico, e quindi si è cercato di capire se l’endometriosi ha un profilo lipidico specifico che potrebbe portare ad un test diagnostico meno invasivo.

I ricercatori hanno eseguito un’analisi metabolomica, che è parte integrante anche della metodologia Pneisystem in ambito Pnei e endocrinologia, testando i campioni di sangue da un gruppo di topi con endometriosi e da un gruppo di controllo. Il risultato è stato che i topi con endometriosi presentavano un profilo lipidico distinto da quello degli animali di controllo. Anche se un ulteriore lavoro è necessario per convalidare i risultati negli esseri umani, lo studio suggerisce che un semplice esame del sangue, insieme ad altri indicatori clinici, potrebbe potenzialmente essere usato per diagnosticare la malattia.

Inoltre, il trattamento con approccio integrato, come applicato dalla metodologia Pneisystem, in ambito Pnei e endocrinologia come in altri ambiti relativi alla salute, risulta ad oggi tra i più efficaci.

Bigliografia : L.Spezzamonte
Fonti : http://www.pneisystem.com/wordpress/blog/pnei-e-endocrinologia-lendometriosi/

mar 7 maggio 2019
Condividi su :
VEDI ANCHE
osteoporosiL’osteoporosi comincia da piccole
La stragrande maggioranza delle intervistate (oltre l'80%) dichiara che il momento per iniziare a prevenire la malattia è durante la menopausa o, addi...
mar 16 marzo 2010
ovaio_policisticoSindrome dell’ovaio policistico: la dieta giusta
Uno stile di vita sano può migliorare la salute delle donne con PCOS ma mancano ancora dati per l’efficacia a lungo termine della dieta.
mar 19 ottobre 2021
Parliamo di ...