Donne, metabolismo e menopausa

Un update delle evidenze
donne_menopausa

Tra i vari aspetti della promozione della salute e dell’adattamento dello stile di vita al periodo postmenopausale, le abitudini alimentari sono fondamentali perché riguardano tutte le donne, possono essere modificate e incidono sia sulla longevità che sulla qualità della vita.

La revisione

In questa revisione narrativa, gli autori discutono le prove attuali sull’associazione tra modelli dietetici ed endpoint clinici nelle donne in postmenopausa, come la composizione corporea, la massa ossea e i marcatori di rischio per le malattie cardiovascolari.

In estrema sintesi

  • La transizione alla menopausa è stata associata alla perdita di densità minerale ossea, massa magra e aumento di massa grassa;
  • La RDA per l’assunzione di proteine può essere sufficiente per mantenere la massa muscolare;
  • I componenti della dieta mediterranea potrebbero essere collegati a una migliore massa magra;
  • La dieta a basso contenuto di carboidrati e ricca di grassi non dovrebbe essere raccomandata per ridurre la massa grassa;
  • Nelle donne in sovrappeso o obese, una dieta a basso indice glicemico potrebbe portare a una maggiore diminuzione della massa grassa rispetto alle diete di controllo;
  • Sono necessari studi futuri che valutino gli effetti delle diete a basso contenuto di grassi a base vegetale sulla massa grassa nelle donne in postmenopausa;
  • La dieta mediterranea potrebbe ridurre significativamente il tasso di perdita di densità minerale ossea nelle donne con osteoporosi;
  • Un’adeguata assunzione di calcio, vitamina D, vitamina K, selenio, magnesio e beta-carotene potrebbe essere collegata a una migliore densità ossea nelle donne in postmenopausa;
  • La dieta è un importante fattore di rischio modificabile per CVD e potrebbe essere un potente intervento per ridurre i rischi cardiovascolari nelle donne in postmenopausa;
  • La dieta a basso contenuto energetico è raccomandata per le donne in postmenopausa per prevenire i disturbi metabolici;
  • Le diete povere di grassi possono portare a un maggiore miglioramento dei livelli di colesterolo LDL, mentre le diete a basso contenuto di carboidrati possono comportare un maggiore miglioramento dei livelli di trigliceridi e colesterolo HDL;
  • La dieta mediterranea è associata a una piccola ma significativa diminuzione della pressione sanguigna e a un ridotto rischio di CVD tra le diverse coorti femminili, sebbene siano necessarie ulteriori prove per questi risultati nelle donne in postmenopausa.

L’attività fisica e la dieta sono fattori modificabili nella ricerca della protezione cardiovascolare. Le diete dimagranti nelle donne in sovrappeso o obese migliorano la sindrome metabolica nei suoi vari parametri. MD è composta da cibi sani che hanno proprietà antinfiammatorie e antiossidanti. Oltre a questi vantaggi, sembra incorporare una maggiore aderenza delle donne nel tempo.

Bigliografia : Thais R Silva, Karen Oppermann, Fernando M Reis, Spritz Polimara

mar 29 marzo 2022
Condividi su :
VEDI ANCHE
iperglicemia_donneIperglicemia nelle donne influenza effetto della dieta
La riduzione del peso con una dieta ipocalorica bilanciata ed esercizio fisico è efficiente nelle donne obese normoglicemiche.
mar 8 marzo 2022
cambiamenti in menopausaMenopausa, più peso. Come gestirla?
In pre-menopausa è importante avere una composizione corporea sana, una maggiore aderenza alla dieta mediterranea, evitando il tabacco.
mer 24 giugno 2020
Parliamo di ...
  • mondo donna
    Mondo donna
    Uomini e donne hanno caratteristiche biologiche e fisiologiche differenti, che portano a una differenza di genere di cui la scienza della nutrizione d...
  • condizioni-patologiche-donna
    Terapia funzionale in patologie della donna
    Le patologie che possono colpire la donna in particolare sono endometriosi, ovaio policistico, depressione, osteoporosi, artrte reumatoide e i tumori ...
  • Il metabolismo energetico
    Il metabolismo energetico
    Il metabolismo energetico è l’insieme di reazioni chimiche che consentono l’utilizzo dei nutrienti come fonte di energia per l’organismo.