Dipendenza, carboidrati ad alto indice glicemico e obesità

Dominare la dipendenza da carboidrati
Donne senza carboidrati

Il trattamento dell’obesità è un mestiere difficile, purtroppo il successo rimane basso e uno dei nemici è di sicuro la dipendenza da cibo, delineata come un fattore eziologico di base con rilevanza terapeutica.
In particolare, l’attuale approccio anti-obesità si concentra sulla riduzione dell’assunzione di cibo e sull’aumento dell’attività fisica, mentre gli interventi per la dipendenza comprendono la terapia comportamentale, l’astinenza e interventi ambientali come la tassazione, le restrizioni sulla pubblicità e la regolamentazione dei menu scolastici.

La revisione

In una revisione americana è stata esaminata la letteratura sulla dipendenza da cibo con un focus specifico sul ruolo dei carboidrati ad alto indice glicemico nell’innescare i sintomi di dipendenza.
Tre linee di evidenza supportano il concetto di dipendenza da cibo:
(a) le risposte comportamentali a determinati alimenti sono simili alle sostanze di abuso;
(b) la regolazione dell’assunzione di cibo e la dipendenza si basano su circuiti neurobiologici simili;
(c) le persone che soffrono di obesità o dipendenza mostrano schemi neurochimici e di attivazione cerebrale simili.

I carboidrati ad indice glicemico elevato provocano un rapido innalzamento dei livelli di glucosio e di insulina nel sangue, paragonabile alla farmacocinetica delle sostanze che provocano dipendenza. Simile alle droghe d’abuso, il segnale di glucosio e insulina arriva al sistema mesolimbico per modificare la concentrazione di dopamina.
Lo zucchero suscita così un desiderio simile alla dipendenza, e gli alimenti auto-segnalati come problematici sono ricchi di carboidrati ad alto indice glicemico.
Queste proprietà rendono i carboidrati ad alto indice glicemico plausibili inneschi per la dipendenza da cibo.

Autori: Lennerz B, Lennerz JK.
Fonte: Clin Chem. 2017 Nov 20. pii: clinchem.2017.273532. doi: 10.1373/clinchem.2017.273532.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29158252

Dietosystem, da sempre a fianco dei nutrizionisti italiani, ha appena rilasciato una nuova versione della Suite Nutrizionale, il software che fa da cassetta degli attrezzi per il professionista della nutrizione.  La Suite coniuga l’analisi alimentare, l’analisi della composizione corporea, del dispendio energetico e la plicometria per arrivare al trattamento dietetico super personalizzato.
E per una dieta che liberi dalla dipendenza dei carboidrati, iscrivetevi gratuitamente alla piattaforma dietacombinata dove potrete comporre piani alimentari personalizzati utilizzando alimenti e integratori low-carb.

Bigliografia :

Fonti :

ven 24 novembre 2017
VEDI ANCHE

Carboidrati e funzioni cognitive, meglio i cibi a lento rilascio di energia

Gli alimenti che producono innalzamenti meno violenti ma più prolungati della glicemia favoriscono la performance cognitiva.
mer 1 agosto 2012
bulimia-nervosa-800x461Chetogenica contro i disturbi alimentari

I sintomi della dipendenza da cibo e il binge eating in pazienti obesi potrebbero ridursi con diete chetogeniche a basso contenuto di carboidrati.
mar 18 febbraio 2020

Parliamo di …
  • Le-dipendenze
    Le dipendenze

    Le dipendenze sono disturbi caratterizzati dal forte desiderio e dall’incapacità di controllo si utilizzo di sostanze; il desiderio è tale da dare ast…