Dieta ipoglucidica, dieta iperproteica

Le linee di indirizzo del Ministero della Salute
diat_ipo_iper

Un documento da leggere con attenzione. A supporto degli esperti in nutrizione, il TaSiN (Tavolo tecnico sulla sicurezza nutrizionale) in collaborazione con ADI, ANSISA, ASAND, SINPE, SINU, SINuc, SINUPE, SIO e SISA ha definito linee di indirizzo, supportate da evidenze scientifiche, per le diete ipoglucidiche e iperproteiche.

Il documento ha lo scopo di uniformare le strategie d’intervento, al fine di scongiurare comportamenti di “autoprescrizione “, senza alcun controllo specialistico.

I punti cardine

  • Le prescrizioni dietetiche devono essere sempre definite e valutate in ambiente medico. La tutela della salute della persona deve essere il primo obiettivo. L’autoprescrizione di regimi dietetici può rappresentare un rischio per la salute.
  • Le migliori strategie di cura e prevenzione in campo nutrizionale sono rappresentate da cura personalizzata, educazione e supporto nutrizionale alla persona, correzione delle abitudini alimentari e miglioramento dello stile di vita.
  • La dieta bilanciata mediterranea resta a tutt’oggi la migliore strategia di prevenzione nutrizionale per mantenere lo stato di salute in tutte le fasce d’età. Vi sono solide evidenze degli effetti positivi di questo regime alimentare rispetto alla riduzione del rischio cardio-vascolare e al processo di invecchiamento fisiologico.
  • Le diete ipoglucidiche con quote proteiche personalizzate sulla base di osservazioni cliniche, all’interno di un progetto terapeutico di più ampio respiro che tenga conto anche degli effetti sulla salute a lungo termine, possono essere prescritte e supervisionate da medici specialisti del campo internistico-nutrizionale ed endocrino-metabolico, per periodi congrui e comunque limitati, per il raggiungimento dei risultati metabolici desiderati. In considerazione degli incoraggianti risultati, non solo rispetto alla riduzione della massa grassa nell’obesità, ma anche per i loro significativi effetti nel diabete di tipo 2, nella sindrome metabolica, nell’obesità con Sindrome dell’Ovaio Policistico (PCOS), nell’obesità sarcopenica, rivestono particolare interesse le diete a ridotto contenuto di carboidrati (Low-CarbohydrateDiet e Very-Low-CarbohydrateKetogenicDiet), ma normoproteiche. Le diete chetogeniche normo-energetiche troverebbero applicazione in altri campi (es. patologie neurologiche). Si suggerisce comunque la possibilità di ampliare gli studi in tal senso e di valutarne gli effetti con follow-up a lungo termine.
  • Le diete ad aumentato contenuto di proteine ad alto valore biologico assumono un ruolo di rilievo nell’anziano sarcopenico con o senza obesità.
  • L’intervento nutrizionale nello sportivo dovrebbe, prima di tutto, avere l’obiettivo di preservare lo stato di salute della persona e in età evolutiva favorire un sano accrescimento staturo-ponderale. Non vi sono evidenze che oltre un certo limite (2g/kg/ die) l’introito proteico nel soggetto sano ed atletico possa produrre risultati in termini di implementazione della massa muscolare. Deve essere sempre garantito all’atleta e allo sportivo un adeguato apporto energetico e di glucidi, non solo per sostenere lo sforzo fisico, ma anche a sostegno delle funzioni vitali.
  • A tutt’oggi non esistono prove conclusive sugli effetti a lungo termine delle diete iperproteiche sulla funzionalità renale, ne deriva che vi sono importanti riserve a tal riguardo. Ciò porta ancora a ribadire la necessità di una approfondita valutazione medica che tenga conto dell’anamnesi e della funzionalità renale del paziente che venga sottoposto, anche per periodi limitati, ad una dieta ad aumentato contenuto proteico.

Leggi il documento in versione integrale

Bigliografia : COORDINAMENTO NAZIONALE SULLA NUTRIZIONE E PROFILASSI NUTRIZIONALE

mar 14 dicembre 2021
Condividi su :
VEDI ANCHE
chetogenica antiinfiammatoriaChetogenica come dieta antinfiammatoria
La dieta chetogenica migliora le concentrazioni di adiponectina e leptina e può essere utilizzata nella prevenzione di malattie infiammatorie.
mar 23 febbraio 2021
dieta dopo tumore al senoDieta dopo il tumore al seno
Diete chetogeniche migliorano qualità della vita, prestazioni fisiche, composizione corporea e salute metabolica delle donne con cancro al seno.
mar 20 aprile 2021
Parliamo di ...
  • dieta-iperproteica-ipoglucidica
    Dieta iperproteica-ipoglucidica
    La dieta iperproteica-ipoglucidica è caratterizzata da ridotto consumo di carboidrati ed elevato apporto di proteine, con l’obiettivo di un calo ponde...
  • Proteine
    Proteine
    Le proteine sono composte da aminoacidi; la qualità proteica dipende dalla digeribilità e dalla presenza di aminoacidi essenziali, non sintetizzabili....
  • dieta-chetogenica
    Dieta chetogenica
    La dieta chetogenica è un protocollo terapeutico basato sulla riduzione dell’apporto calorico e di carboidrati, che induce l’organismo a utilizzare i ...