Dieta dopo il tumore al seno

L'effetto positivo della riduzione dei carboidrati
dieta dopo tumore al seno

Il cancro al seno (BC) è uno dei tipi di cancro più comuni in tutto il mondo, con oltre 2 milioni di nuovi casi ogni anno. Nonostante una prognosi generalmente buona, la malattia stessa così come i suoi trattamenti standard tramite chirurgia, radioterapia e chemioterapia possono avere un’influenza negativa sulla salute e sulla forma fisica dei pazienti colpiti.

Problemi tipici come la debolezza e la perdita di massa muscolare (sarcopenia) sono da un lato significativamente correlati all’aderenza al trattamento e alla sopravvivenza globale e, dall’altro, al metabolismo di tutto il corpo del malato di cancro. Un ambiente infiammatorio aumentato può caratterizzare quest’ultimo. Parallelamente all’infiammazione, si verifica insulino-resistenza periferica con conseguente ridotta capacità del tessuto sano di metabolizzare il glucosio per le richieste energetiche. Come compensazione, l’ossidazione dei grassi aumenta.

Nella speranza di supportare il loro processo di guarigione e la sopravvivenza a lungo termine, molti pazienti con BC chiedono ai curanti la possibilità  di integrare un modello alimentare sano o di utilizzare diete basate sul web.

Lo studio

Un gruppo di ricercatori tedeschi hanno studiato una dieta standard sana (SD), una dieta a basso contenuto di carboidrati (LCD) e una dieta chetogenica (KD) per i pazienti BC durante la fase di riabilitazione.
Le pazienti con BC (n = 152; età media 51,7 anni) potevano scegliere la loro dieta.

I dati raccolti sono stati: qualità della vita (QoL), spiroergometria, composizione corporea e parametri del sangue. In totale 30, 92 e 30 pazienti hanno iniziato rispettivamente KD, LCD e SD. Di questi, 20, 76 e 25 hanno completato tutto il percorso. Le pazienti hanno valutato tutte le diete come fattibili nella vita quotidiana.

Tutti i gruppi hanno migliorato la qualità della vita, la composizione corporea e le prestazioni fisiche.
Le partecipanti LCD hanno mostrato il miglioramento più impressionante negli aspetti della QoL.
I partecipanti al KD hanno concluso con un’ottima prestazione fisica e un rapporto muscolo / grasso molto favorevole.

Nonostante l’aumento dei livelli di colesterolo, le pazienti KD avevano un miglior rapporto trigliceridi / lipoproteine ad alta densità (HDL) e (HOMA-IR).
La maggior parte dei parametri metabolici è migliorata in modo significativo nel gruppo LCD.
I partecipanti alla SD hanno concluso con livelli di colesterolo notevolmente bassi, ma non hanno migliorato i trigliceridi / HDL e HOMA-IR.

Significato clinico

Il normale indice di massa corporea, una composizione corporea positiva e le prestazioni fisiche sono, insieme agli effetti delle terapie locali e sistemiche, importanti predittori dell’esito del cancro al seno. Gli oncologi, quindi, spesso incoraggiano i loro pazienti a normalizzare il loro peso corporeo seguendo una dieta sana e aumentando l’attività  fisica.

Le diete a basso contenuto di carboidrati ricche di grassi (LCD) e le diete chetogeniche (KD) sono in grado di indurre profondi cambiamenti positivi nel peso corporeo e nella composizione.
La domanda se LCD e KD siano sicuri e compatibili con le prestazioni fisiche e la qualità della vita dei malati di cancro può essere risolta con un “sì” per i pazienti BC durante il loro processo di riabilitazione, secondo i dati dello studio KOLIBRI.
Al contrario, una dieta standard (SD) seguendo le attuali linee guida delle società nutrizionali era inferiore per i miglioramenti delle prestazioni fisiche e della composizione corporea e inoltre non è riuscita a soddisfare l’apporto energetico e proteico raccomandato per i malati di cancro. Una ragione potrebbe essere che le linee guida SD sono destinate a persone sane, che hanno esigenze metaboliche diverse dai malati di cancro.

Bigliografia : Ulrike Kammerer, Rainer J Klement, Fabian T Joos, Marc Sutterlin, Monika Reuss-Borst 

mar 20 aprile 2021
Condividi su :
VEDI ANCHE
Cancro, studio Usa: “Dieta ricca di zuccheri aumenta rischio tumore al seno”
Gli esperti dell’American Institute for Cancer Research (Aicr) si mostrano però prudenti. Si tratta di un singolo studio, e che i test sono stati effe...
lun 11 gennaio 2016
Chetogenica migliora la qualità della vita nei pazienti oncologiciChetogenica migliora la qualità della vita nei pazienti oncologici
La dieta chetogenica ha migliorato la qualità della vita e normalizzato il peso corporeo nei pazienti oncologici che hanno partecipato allo studio.
mar 21 settembre 2021
Parliamo di ...
  • dieta-chetogenica
    Dieta chetogenica
    La dieta chetogenica è un protocollo terapeutico basato sulla riduzione dell’apporto calorico e di carboidrati, che induce l’organismo a utilizzare i ...
  • nutrizione-e-cancro
    Nutrizione e cancro
    L’alimentazione può avere un importante ruolo nella prevenzione e nel trattamento dei tumori, rallentandone il decorso patologico.
  • mondo donna
    Mondo donna
    Uomini e donne hanno caratteristiche biologiche e fisiologiche differenti, che portano a una differenza di genere di cui la scienza della nutrizione d...