Come imbrunire l’adipocita

Il tessuto adiposo va funzionalizzato
Come imbrunire l’adipocita

La scoperta del tessuto adiposo bruno funzionale (BAT) negli esseri umani adulti e la possibilità di reclutare cellule beige ad alto potenziale termogenico all’interno dei depositi di tessuto adiposo bianco (WAT) hanno aperto il campo a nuove strategie per combattere l’obesità e le comorbilità associate.

L’allenamento fisico, l’esposizione al freddo e i componenti dietetici sono associati al maggiore accumulo di adipociti beige metabolicamente attivi e all’attivazione del BAT.

Meccanismo d’azione

Sia gli adipociti beige che quelli marroni attivati aumentano il loro tasso metabolico utilizzando i lipidi per generare calore tramite la termogenesi senza brividi, che dipende dalla proteina di disaccoppiamento 1 (UCP1) nella membrana mitocondriale interna.

La termogenesi senza brividi aumenta il dispendio energetico e favorisce un bilancio energetico negativo, migliorando le complicanze metaboliche dell’obesità e del diabete mellito di tipo 2 (T2DM) come la resistenza all’insulina (IR) nel muscolo scheletrico e nel tessuto adiposo.

Nonostante i recenti progressi negli approcci farmacologici per ridurre l’obesità e l’IR inducendo una termogenesi senza brividi in BAT e WAT, i composti farmacologici somministrati sono spesso associati ad effetti collaterali indesiderati. Pertanto, gli interventi sullo stile di vita come l’esercizio fisico, l’esposizione al freddo e/o regimi dietetici specifici costituiscono il futuro della prevenzione delle malattie e il trattamento dell’obesità e del T2DM.

È difficile determinare i meccanismi esatti in cui esercizio, esposizione al freddo, interventi dietetici e trattamenti farmacologici convergono o piuttosto divergono nel loro impatto specifico sull’attivazione delle BAT o sull’imbrunimento del WAT.

Soprattutto nei roditori, è stata ampiamente discussa la correlazione tra l’imbrunimento indotto dal freddo e dall’esercizio e il miglioramento del metabolismo del glucosio e dei lipidi. Tuttavia, l’attenzione era solitamente concentrata sugli effetti di uno specifico stimolo di imbrunimento e non su una panoramica comparativa di diversi stimoli. Inoltre, spesso mancavano aspetti traslazionali.

Nell’uomo, i dati presentati sull’imbrunimento del WAT e sui suoi impatti sull’omeostasi del glucosio sono più controversi e studiati meno intensamente. Da notare, il BAT umano rappresenta più da vicino il tessuto adiposo beige murino rispetto al BAT murino classico. Tuttavia, è stato dimostrato che l’attivazione del BAT è associata a una migliore sensibilità all’insulina nell’uomo aumentando l’assorbimento periferico di glucosio in soggetti sani e T2DM.

Nei roditori, l’esposizione al freddo ha dimostrato di essere il più potente induttore della termogenesi senza brividi per generare calore attraverso l’UCP1 mitocondriale in BAT e WAT. A differenza dei roditori, i dati umani sull’imbrunimento WAT mediato dal freddo non sono coerenti, forse perché negli studi sui roditori gli animali da esperimento sono sottoposti a temperature estremamente basse (circa 4 °C) rispetto alla loro termoneutralità (30 °C), mentre gli esseri umani sono soggetti a temperature di 16–19 °C.

Significato clinico

L’esercizio fisico regolare è stato ben descritto nel reclutare cellule beige ed essere associato a un miglioramento della glicemia nei roditori e nell’uomo. Per i soggetti obesi T2DM, una combinazione di esposizione cronica al freddo e allenamento fisico potrebbe essere il modo più efficace per migliorare la salute metabolica generale.

L’esercizio ridurrà l’isolante WAT sottocutaneo, quindi l’intervento col freddo può migliorare efficacemente la termogenesi da brividi e non.

Tuttavia, si sa ancora poco sulla relazione tra miglioramenti specifici dell’imbrunimento del WAT e metabolismo del glucosio e dei lipidi nell’intero corpo, nonché sulla longevità.

Bigliografia : Anna K. Scheel, Lena Espelage, Alexandra Chadt

mar 12 luglio 2022
Condividi su :
VEDI ANCHE
Fabbisogni in caso di sovrappeso e obesità nell'adultoL’adipe si scruta al periscopio
E' al via il progetto europeo PERISCOPE (Pilot European Regional Interventions for Smart Childhood Obesity Prevention in Early Age) promosso dal Movim...
gio 29 maggio 2008
respiro_biaL’adipe taglia il fiato
Sembra finalmente possibile chiarire il legame tra asma e obesità che di fatto si trovano spesso in associazione.
gio 26 luglio 2007
Parliamo di ...
  • Diabete mellito
    Diabete mellito
    Il diabete è una malattia metabolica cronica caratterizzata da un aumento del glucosio nel sangue, dovuto a un deficit di insulina.
  • Sindrome metabolica
    Obesità e sindrome metabolica
    La sindrome metabolica è una condizione patologica associata all’obesità, caratterizzata da adiposità viscerale, dislipidemia, iperglicemia e ipertens...
  • BMR
    Il metabolismo basale
    Il metabolismo basale rappresenta la quantità di energia necessaria per mantenere i processi fisiologici in condizioni di riposo e digiuno.