Temperatura corporea e battiti cardiaci!

Una scelta di medicina preventiva
peso_cuore

Temperatura corporea e battiti cardiaci sono due parametri giusti per misurare la propria salute.
Cominciamo con la temperatura corporea !
Ciascuno di noi deve avere e mantenere la temperatura corporea sopra a 36 ° C. Se una persona ha un valore al di sotto di 36 °, ha 35.8 o meno, se ha una condizione di freddo continuo, se la sensazione di freddo aumenta al pomeriggio e sente più freddo rispetto al mattino, vuol dire che può avere una tiroide che non funzione bene, può avere una ridotta ossigenazione degli organi, può avere condizione di ipossia, non salutare.
Avere una temperatura al di sotto dei 36°C vuol dire anche accumulare grasso corporeo.

Valutare la temperatura

Il corpo umano ad ogni età per assicurare la temperatura corporea di 36°C consuma acidi grassi saturi. Solo acidi grassi saturi. Se una persona ha una temperatura sotto i 36°C consuma meno grassi e quindi accumula grasso ed aumenta di peso.
Il freddo fa dimagrire perché attiva gli adipociti bruni e beige, cellule deputate a produrre calorie metaboliche.
Il riscaldamento (termosifoni) e il vivere in ambienti protetti dal freddo fanno ingrassare perché il corpo umano consuma meno grasso per produrre la giusta temperatura compatibile con la vita. Noi Umani siamo animali omeotermi.
Consiglio allora di misurare con un comune termometro la temperatura più volte in una giornata: ore 8 – ore 12 – ore 16 – ore 20 –ore 22.
Registrare i valori e se siete sempre in ogni ora sotto 36 °C, non va bene, verificate la funzionalità della vostra tiroide (fT3) e attenzione alla vostra respirazione. Se siete sempre sopra i 36 °C va bene. Se nel pomeriggio e nella serata la temperatura si riduce, consiglio di verificare la vostra tiroide. Se sotto i 36 gradi, e non conoscete la funzionalità della vostra tiroide queste sono le analisi da eseguire: TSH, fT4, fT3, anti TPO, anti TG, calcitonina.

Temperatura e grasso corporeo

La temperatura corporea è prodotta dagli adipociti bruni e beige. Ciascuno di noi ha la sua quantità di questi due tipi di adipociti. Gli adipociti bruni sono localizzati nel collo, nel torace e nelle spalle. La donna ha più adipociti bruni rispetto all’uomo. Gli adipociti beige sono localizzati assieme agli adipociti bianchi.
Possiamo accumulare molti kg di grasso corporeo ma abbiamo pochi grammi di adipociti bruni e beige. Con il passare degli anni questi adipociti bruni e beige si perdono, diminuiscono: Il risultato?
Con il passare degli anni si tende ad avere sempre più freddo. Questi i tre tipi di adipociti del corpo umano: bianchi responsabili della obesità, bruni e beige responsabili della temperatura corporea.
Il 60 % della energia giornaliera consumata da un organismo serve per generare la temperatura corporea, ottenuta dalla sola ossidazione degli acidi grassi saturi all’interno degli adipociti bruni.
Buona parte di ciò che mangiamo ogni giorno viene utilizzato per avere un corpo “caldo”.
Se sotto i 36 gradi, e non conoscete la funzionalità della vostra tiroide, queste sono le analisi da eseguire: TSH, fT4, fT3, anti TPO, anti TG, calcitonina.

Battiti cardiaci e peso corporeo

Con il semplice gesto di porre i quattro polpastrelli della mano direttamente sulla parte inferiore del polso, dove passa l’arteria radiale, si può contare il numero dei battiti cardiaci al minuto!
Con il passare degli anni il battito cardiaco aumenta.
E’ salutare avere, a riposo, una frequenza cardiaca tra 50 – 60 battiti al minuto. Con questa frequenza il cuore batte in un giorno circa 70 – 80 mila volte.
Quando si va sopra i 70 battiti al minuto, il cuore “corre” oltre a 100 mila battiti in una giornata.
Il cuore pompa in una giornata circa 8 – 9000 litri di sangue.
Più è alto il battito cardiaco a riposo, più il cuore è impegnato; invecchia e degenera prima.

1 Kg GRASSO CONTIENE 3 Km di CAPILLARI
L’eccesso di peso corporeo, con accumulo di massa grassa, è una delle cause più importanti e più frequenti dell’aumento della frequenza cardiaca.
Un chilo di grasso corporeo contiene circa 3 Km di capillari.
Pertanto una persona che ha 10 Kg di massa grassa in eccesso ha almeno 30 Km di vasi sanguigni in più dove scorre il suo sangue.
Vuol dire possedere un “ letto vascolare” più vasto, di circa 30 Km, in più rispetto al sistema circolatorio costituzionale, dove il sangue deve passare spinto avanti dal cuore!
Questa condizione fa aumentare la frequenza cardiaca, la pressione arteriosa e il lavoro del cuore, portando a malattie del cuore e dell’intero apparato circolatorio.
Dimagrire vuol dire perdere massa grassa e con essa ridurre l’eccessivo letto vascolare, proteggendo il cuore.
Dimagrire fa diminuire la frequenza cardiaca, la pressione arteriosa e il lavoro cardiaco.
Il numero dei battiti al minuto è un buon indicatore del proprio stato di salute, da non sottovalutare!

Bigliografia :
Fonti :

lun 29 maggio 2017
VEDI ANCHE
dieta salva cuoreCon tutto il cuore
La dieta ipocalorica in pazienti con diabete di tipo 2 riduce il rischio cardiovascolare, con risultati migliori in caso di remissione del diabete.
mar 27 aprile 2021
Menopausa, peso e cuoreAnemia mette a rischio il cuore nel paziente obeso
La presenza del disordine ematopoietico può esporre ad un elevato rischio cardiaco i soggetti caratterizzati da un eccesso del peso corporeo. L’eviden...
ven 20 giugno 2014
Parliamo di ...
  • prevenzione-cardiovascolare-800x461
    Prevenzione cardiovascolare
    Esistono diversi fattori di rischio cardiovascolari; è quindi possibile intervenire su quelli modificabili per prevenire l’insorgenza di malattia.