Quello che il tuo paziente vuole

Superare il senso di colpa
Dietologo, Biologo nutrizionista, Dietista

Le persone affette da obesità sono consapevoli del fatto che si tratta di una condizione grave e sono fortemente motivate a perdere peso, ma evitano di chiedere aiuto agli operatori sanitari perché ritengono che sia una loro responsabilità o colpa.

Questi sono stati i risultati di un sondaggio condotto su oltre 14.500 persone con obesità presentate alla Conferenza europea sull’obesità (ECO) 2019.

Lo studio Awareness, Care & Treatment in Obesity Management – Osservazione internazionale (ACTION IO) ha incluso persone provenienti da 11 paesi in Europa, America centrale e meridionale, Medio Oriente e Australasia.

Sono stati intervistati quasi 2800 operatori sanitari, metà dei quali erano medici di base, rivelando che, in generale, essi fraintendono ciò che i loro pazienti sentono e vogliono in relazione all’obesità. Per esempio, molti clinici pensano che le persone con obesità si sarebbero offese se le avessero offerto consigli sulla perdita di peso, ma in realtà solo il 3% delle persone con obesità ha affermato che è vero.

Oltre l’80% delle persone con obesità ha dichiarato di aver fatto seri tentativi per perdere peso, ma solo il 54% aveva discusso il proprio peso con un operatore sanitario; inoltre avevano aspettato in media 6 anni da quando avevano iniziato a lottare con il problema prima di rivolgersi a un nutrizionista.

Tuttavia, solo il 35% degli operatori sanitari ha pensato che i pazienti avessero già provato a perdere peso.

Fonte di maggiore preoccupazione è che né le persone con obesità né gli operatori sanitari hanno mostrato molta fiducia nell’efficacia dei trattamenti comprovati dell’obesità. Meno del 40% dei pazienti non credono nei farmaci prescritti e meno del 50% pensa che sarebbe utile vedere un dietologo.

Sebbene l’obesità sia riconosciuta come una malattia da organismi come l’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’American Medical Association, ai pazienti spesso non viene diagnosticata e affrontano lo stigma e la discriminazione.

Anche quando viene diagnosticata, pochi pazienti finiscono per ottenere che l’obesità venga gestita come una malattia cronica; come stima lo studio in cui solo il 24% delle persone con obesità ha avuto un follow-up correlato al peso con un operatore sanitario.

I partecipanti erano adulti con un indice di massa corporea ≥ 30 kg / m2, o ≥ 25 kg / m2 in Giappone e Corea del Sud, e non avevano avuto una perdita di peso significativa, non intenzionale nei 6 mesi precedenti, tra gli altri criteri.

Gli operatori sanitari dovevano praticare da ≥ 2 anni, con ≥ 70% del loro tempo dedicato a cure dirette per il paziente, con ≥ 100 pazienti visitati nell’ultimo mese di cui ≥ 10 obesi.

Tra gli 11 paesi, 14.502 persone con obesità hanno preso parte allo studio, con un tasso medio di risposta del 20%. Erano equamente divisi tra uomini e donne e l’età media era di 43 anni. Oltre il 60% dei partecipanti aveva una classe di obesità I e il 74% aveva almeno una comorbilità.

L’indagine è stata inoltre completata da 2785 operatori sanitari, con un tasso di risposta del 17%; Il 70% erano uomini e la loro età media era di 48 anni.

Tra gli operatori sanitari, il 51% erano medici di base, il 18% erano diabetologi o endocrinologi e l’11% erano cardiologi.

I risultati hanno mostrato che il 68% delle persone con obesità e l’88% degli operatori sanitari considerava l’obesità come una malattia. Inoltre, l’82% e il 76%, rispettivamente, ne hanno riconosciuto l’impatto sulla salute generale di una persona.

L’accordo tra le persone con obesità e operatori sanitari si è in gran parte concluso lì, tuttavia, poiché l’81% dei pazienti e solo il 30% dei medici riteneva che la perdita di peso fosse di completa responsabilità del paziente.

Viceversa, il 26% delle persone con obesità ma l’80% degli operatori sanitari ritiene che il clinico abbia la responsabilità di contribuire allo sforzo di perdere peso del paziente.

Gli operatori sanitari hanno anche sottovalutato la motivazione dei pazienti a perdere peso, che valutavano solo al 31%, ma le persone con obesità avevano un punteggio del 48%.

Inoltre, l’81% delle persone con obesità ha dichiarato di aver fatto almeno un serio tentativo di dimagrire, con una media di quattro tentativi, mentre gli operatori sanitari hanno pensato che solo il 30% dei pazienti avesse provato a perdere peso.

Il 64% delle persone con obesità ha dichiarato di sentirsi positivo nei confronti degli operatori sanitari che parlano del problema peso, con il 33% che li ha motivati, il 32% ha detto di dar loro speranza e il 28% ha dichiarato di sentirsi supportato.

Solo il 3% delle persone con obesità si è sentito offeso dal proprio medico.

Il motivo principale per cui non si parlava di peso per le persone con obesità era perché ritenevano che la gestione del peso fosse responsabilità dei pazienti (44% degli intervistati), con la quale solo il 9% degli operatori sanitari era d’accordo.

Gli operatori sanitari hanno ancora una volta frainteso le opinioni dei loro pazienti, con il 71% che afferma che i pazienti non erano interessati a perdere peso, rispetto a solo il 7% delle persone con obesità.

Inoltre, il 68% dei medici riteneva che i propri pazienti non fossero motivati ​​a perdere peso, come nel caso del solo 20% delle persone con obesità. E il 47% dei medici pensava che ci fossero cose più importanti da discutere, con le quali solo il 16% delle persone con obesità era d’accordo.

Curiosamente, l’area in cui i professionisti del settore sanitario e le persone con obesità erano in maggiore accordo era nella loro percezione dell’efficacia a lungo termine degli interventi per controllare il peso.

Essi concordavano ampiamente sul fatto che la dieta, un’alimentazione sana e l’esercizio fisico erano benefici, anche se le persone con obesità erano più convinte dell’efficacia delle diete specifiche o di eliminazione che dei programmi di esercizio fisico o palestra.

Sorprendentemente, solo il 40% delle persone con obesità e il 30% degli operatori sanitari riteneva che i farmaci per la perdita di peso prescritti fossero efficaci, e solo il 38% e il 46%, rispettivamente, ritenevano che fosse una buona idea vedere un dietologo.

Insomma, i pazienti ci sono e sono motivati a perdere peso. Devono solo trovare il nutrizionista a cui rivolgersi.

Leggi l’articolo originale in full text

DS Medica, da oltre 40 anni si impegna per fornire ai nutrizionisti soluzioni sempre più efficaci per la lotta all’obesità.
Tramite la divisione nutrizione Dietosystem, mette a vostra disposizione tutta l’esperienza e l’innovazione nella Suite Nutrizionale, il software completo per la gestione del paziente obeso.

La nuova release Suite Nutrizionale Dietosystem, sempre più orientata a facilitare il compito del professionista nella gestione ambulatoriale del paziente, prevede anche un’APP.

L‘APP DIETOSYSTEM, scaricabile dal software, è uno strumento è indispensabile per comunicare con il paziente. Come farti trovare dai tuoi futuri pazienti? Entrando a far parte del gruppo di esperti in nutrizione di riferimento contenuto nella APP Dietosystem. Quando una persona cercherà un nutrizionista a cui rivolgersi, troverà i tuoi contatti e diventerà tuo paziente.

A breve verrai contattato dallo staff per includerti in questa iniziativa, completamente gratuita per i clienti Dietosystem!

Come funziona la APP Dietosystem? E’ una applicazione realizzata per funzionare sugli smartphone e i tablet, è lo strumento che il cittadino potrà gratuitamente scaricare (versione IOS o ANDROID)  per soddisfare i suoi quesiti nutrizionali e poter identificare il suo nutrizionista di fiducia.  Il cittadino visualizzerà sull’APP DIETOSYSTEM in modalità geolocalizzata  l’elenco degli specialisti nostri utenti, potendone consultare la scheda professionale, l’area di competenza e le metodiche diagnostico – terapeutiche utilizzate.

Il nutrizionista sarà contattato direttamente dal paziente per concordare una visita e l’inizio di un percorso di cura.
Il nutrizionista tramite una funzionalità presente nella Suite Nutrizionale potrà collegarlo a se per tutta la durata del percorso diagnostico – terapeutico.

Scopri qui l’APP Dietosystem!

Bigliografia : ID Caterson, AA Alfadda, P Auerbach , W Coutinho, A Cuevas, D Dicker, C Hughes et al
Fonti : Diabetes  Obes Metab. 2019;1–11. https://onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1111/dom.13752  

lun 13 maggio 2019
Condividi su :
VEDI ANCHE
Chetogenica dal nutrizionistaAccetta la sfida
La dieta chetogenica ha dimostrato da molti anni grandi successi nella terapia dell’obesità.
mar 30 giugno 2020
Acidi grassi e dimagrimentoAcidi grassi per dimagrire
Gli acidi grassi alimentari svolgono ruoli chiave benefici per la salute, in particolare gli acidi grassi polinsaturi (PUFA) e monoinsaturi (MUFA).
mar 13 luglio 2021
Parliamo di ...
  • Il comportamento alimentare
    Il comportamento alimentare
    Il comportamento alimentare è influenzato da diversi fattori quali: palatabilità del cibo, sensazioni di fame e sazietà, fattori psicologici, genetici...
  • storia_clinica_esame_obiettivo
    Storia clinica ed esame obiettivo
    La valutazione della storia clinica tramite un’anamnesi completa e l’esame obiettivo rappresentano la prima fase dell’analisi dello stato nutrizionale...
  • Integratori proteici e sport
    L'attività fisica
    L'attività fisica, che sia movimento o sport, è fondamentale a tutte le età. Muoversi fa bene!