Più proteine meno peso

Assunzione di proteine e peso
piano-dietetico-integrato

La perdita di peso riduce il grasso corporeo e la massa magra, ma se questi cambiamenti sono influenzati dalla composizione in macronutrienti della dieta non è così chiaro.
Cosa assumere per ridurre il grasso totale, viscerale, o epatico e preservare la massa magra: quante calorie? Quanti grassi? Quante proteine? Quanti carboidrati?

Lo studio

Ha risposto lo studio POUND che ha randomizzato i pazienti a 4 tipi di diete e ha misurato la composizione corporea, il grasso addominale ed epatico dopo 6 mesi e dopo 2 anni dal trattamento.

I cambiamenti dal basale sono stati confrontati tra quantità assegnate di proteine ​​(25% rispetto al 15%) e grassi (40% rispetto al 20%) e le quantità di carboidrati (35% attraverso 65%).
A 6 mesi, i partecipanti hanno perso una media di 4,2 kg (12,4%) di grassi e 2,1 kg (3,5%) di massa magra (entrambi p <0,0001 rispetto ai valori basali), senza differenze tra i diversi bracci di trattamento. I partecipanti hanno perso 2,3 kg (13,8%) di grasso addominale: 1,5 ± 0,2 kg (13,6%) di grasso sottocutaneo e 0,9 ± 0,1 kg (16,1%) di grasso viscerale (P <0.0001 rispetto ai valori basali), senza differenze tra la diete (P ≥ 0,29). Le donne hanno perso più grasso viscerale rispetto agli uomini rispetto alla perdita di grasso dal corpo intero. I partecipanti hanno però riguadagnato circa il 40% di queste perdite dopo 2 anni, senza differenze tra diete (P ≥ 0,23). La perdita di peso ha ridotto anche il grasso epatico, ma non c’erano differenze tra i gruppi (P ≥ 0,28).

Sembrerebbe quindi che i macronutrienti non facciano la differenza tra le diete… I ricercatori hanno indagato oltre.

No ai carboidrati

Per valutare l’associazione dei marcatori per l’assunzione di proteine ​​nella dieta, le misure di aderenza dietetica e le variabili demografiche con la perdita di peso hanno approntato un’analisi secondaria dei dati raccolti su coloro i quali avevano completato lo studio e assegnati ad una delle quattro diete: 65% C / 15% P / 20% F (AP / LF), 55% C / 25% P / 20% F (HP / LF) , 45% C / 15% P / 40% F (AP / HF) o 35% C / 25% P40% F (HP / HF).
Si sono analizzate l’escrezione urinaria di azoto, l’aderenza dietetica misurata dal recall a 24 h e la partecipazione alle sedute, l’età (sopra e sotto i 50 anni), il sesso, la razza / etnia e l’attività da pedometria.
I risultati hanno chiarito ulteriori aspetti delle diverse diete:

  1. Una maggiore differenza tra l’assunzione di proteine ​​al basale e ​​a 6 o 24 mesi, valutata mediante escrezione urinaria di azoto, è stata associata con una maggiore perdita di peso dal basale a 2 anni.
  2. A 6 e 24 mesi, l’età avanzata, il sesso maschile, l’indice di massa corporea > 30 kg m-2 e l’aderenza alle diete ricche di grassi e proteine ​​sono stati associati con la perdita di peso. Nessuna di queste variabili è stata associata con il riacquisto del peso a 6 a 24 mesi.
  3. Il riacquisto del peso per le donne con una assunzione più alta di carboidrati (65%) è stata significativamente maggiore (-4,4 kg [95% CI: -5.9, -3.0]) che per le donne nel gruppo che assumeva meno carboidrati (-1,8 kg [IC 95%: – 3.2 -0.4 kg]) (P per interazione = 0.012).

Significato clinico

Insomma, meno carboidrati, più proteine!
Per assumere proteine di alta qualità, si può pensare all’integrazione  con Proteonorm, un prodotto formulato da Dietosystem che contiene tutti gli aminoacidi necessari al corpo umano, equilibrati secondo le percentuali fisiologiche, con sali minerali e niacina. Con l’aiuto di Proteonorm, nell’ambito del protocollo dieta combinata, è possibile una rapida perdita di peso.

Inizia subito a utilizzare gratis la piattaforma Dieta Combinata!

Bigliografia :
Fonti :

mar 18 aprile 2017
VEDI ANCHE
Chetogenica dal nutrizionistaAccetta la sfida
La dieta chetogenica ha dimostrato da molti anni grandi successi nella terapia dell’obesità.
mar 30 giugno 2020
Abbasso l'indice glicemicoAbbasso l’indice glicemico
Una dieta a basso indice glicemico come la dieta mediterranea comporta miglioramenti negli indici di variabilità glicemica giornaliera
mar 15 novembre 2022
Parliamo di ...