Obesità: più spazio alla genetica

Peso stabile in media, ma..
sindrome_praderwilli

Dalle più recenti stime il peso degli italiani è sostanzialmente stabile negli ultimi anni; ma il fenomeno epidemico sta cambiando le sue dimensioni.

Dai dati contenuti nel volume “7° rapporto sull’Obesità in Italia” dell’Istituto Auxologico Italiano, si evince che: la Campania rimane la Regione dove è più alta la prevalenza di obesità e sovrappeso, ma anche il Nord-Ovest, area generalmente con valori percentuali più bassi, comincia ad appesantirsi. In particolare, negli ultimi 8 anni, la prevalenza dell’obesità maschile è cresciuta di quasi 1 punto percentuale fino a toccare il 10,8%, mentre nelle donne (9,1%) si comincia a registrare un calo dopo il picco raggiunto nel 2006. Inoltre, tra i 45 e i 64 anni solo un uomo su tre è normopeso, mentre per le donne il rapporto è di 1 a 1. In ogni caso, sarebbero maggiormente penalizzati i bambini, in sovrappeso il 23,6% o obesi il 12,3% con un picco agli 8 anni del 36%. E sempre la Campania vive oggi la condizione più preoccupante, dove è in sovrappeso quasi un bambino su due (49%).

Misure genetiche

La ricerca scientifica sta esplorando tutti i possibili fattori predisponenti e concausali del “fenomeno obesità epidemica” e riguardo ai bambini, si è giunti alla conclusione che, oltre allo stile di vita , anche la componente genetica possa avere importanti implicazioni. Pare che i fattori genetici contribuiscano per il 40-70% alla variazione interindividuale nell’obesità: anche il peso, come l’altezza, è un tratto familiare altamente trasmissibile. La genetica è, dunque, la più promettente strada percorribile dalla ricerca, nell’ottica della prevenzione e della cura dell’obesità. Tutto ciò implica che, oltre a determinare le abitudini alimentari, il BMI e le circonferenze, negli ambulatori dedicati all’obesità, si comincerà presto ad adottare “misure genetiche” per i pazienti sovrappeso al fine di ottenere indicazioni precoci e migliori per la terapia mirata.

Bigliografia :
Fonti :

mar 29 marzo 2011
VEDI ANCHE
Chetogenica dal nutrizionistaAccetta la sfida
La dieta chetogenica ha dimostrato da molti anni grandi successi nella terapia dell’obesità.
mar 30 giugno 2020
sugar freeA parità di peso perso, migliore salute metabolica con dieta low-charb
A parità di perdita di peso, le diete a basso contenuto di carboidrati comportano una riduzione delle dimensioni delle cellule adipose rispetto ai reg...
mer 18 dicembre 2019
Parliamo di ...
  • gene e cibo
    Nutrigenetica
    Ambiente e dieta (qualità e quantità) sono i principali fattori che influenzano la salute e la malattia di un individuo
  • dieta personalizzata
    Test Nutrigenetico
    Una mutazione singola può influire su più processi diversi contemporaneamente, comprese le regioni di impatto su più di un gene.