Obesità aumenta rischio restenosi dopo stenting coronarico

peso_cuore

L’obesità aumenta il rischio di restenosi clinicamente significativa dopo il piazzamento di uno stent coronarico.

Benchè il presente studio abbia delle limitazioni, il modello statistico che ne deriva dimostra che l’obesità è probabilmente associata ad un aumento del rischio di restenosi, che è il principale fattore determinante degli esiti clinici a seguito di stenting coronarico.

I risultati del presente studio sono in contrasti con quelli di altri studi su pazienti post-intervento percutaneo che hanno dimostrato esiti clinici simili o migliori in pazienti obesi rispetto a pazienti di peso normale, ed avevano supportato la presenza di un cosiddetto ‘paradosso dell’obesità’.

Mentre lo studio suggerisce che l’obesità in effetti sia un fattore di rischio di restenosi e sia probabilmente indipendente dagli altri fattori di rischio, rimangono aperti diversi quesiti, come ad esempio quelli sui meccanismi di base per l’aumento del rischio, su una possibile associazione con il tipo di stent applicato e sul possibile ruolo della dieta e delle modifiche dello stile di vita, o anche dei farmaci, nella riduzione del rischio stesso.

Am Heart J 2005; 150: 821-6

Bigliografia :
Fonti :

ven 11 novembre 2005
VEDI ANCHE
Donne di cuoreObesità, infiammazione e rischio cardiovascolare
Elegante review (disponibile in full text) in cui viene descritto il ruolo del tessuto adiposo nello sviluppo di infiammazione, che può causare seri d...
ven 26 marzo 2010
Adiposità e rischio di infarto miocardio: l’importanza delle giuste misurazioni
Distribuzione regionale del grasso ed età costituiscono variabili di notevole peso nella valutazione dei soggetti a rischio
mer 16 novembre 2011
Parliamo di ...