L’obesità ritarda la diagnosi di sclerosi multipla

bia_esito_covid

In pazienti con obesità e problemi vascolari, come diabete ipertensione e colesterolo alto, può verificarsi un ritardo nella diagnosi di sclerosi multipla (SM). Il ritardo viene calcolato come da uno a 10 anni, con un aumento della gravità della malattia al momento della diagnosi
I ricercatori hanno esaminato 8983 persone con diagnosi di sclerosi multipla.

Di questi 2375 sono stati ulteriormente classificati come aventi lieve moderata o grave disabilità entro 2 anni dalla diagnosi.
Le persone con problemi vascolari o che sono stati obesi hanno una probabilità di circa 15 volte maggiore di essere moderatamente disabili al momento della diagnosi rispetto a quelli che avevano SM ma non hanno avuto alcun problema di peso o di cuore, ha dichiarato la Dottssa Marrie autore dello studio.
La condizione fisica concomitante può mascherare i sintomi di una nuova malattia o pregiudicare l’accesso alle cure ambulatoriali.

Le persone con problemi medici ulteriori alla SM possono aver bisogno di più risorse sanitarie o potrebbe rispondere diversamente ai farmaci

FONTE American Academy of Neurology

Bigliografia :
Fonti :

lun 10 novembre 2008
VEDI ANCHE
Dieta antiossidante giova alla sclerosi multipla
Un adeguato apporto dietetico di antiossidanti potrebbe costituire uno dei più importanti fattori ambientali per la prevenzione della sclerosi multipl...
mar 24 giugno 2014
La taurina favorisce la rimielinizzazione nella sclerosi multipla
Una recente scoperta degli scienziati dello Scripps Research Institute (TSRI) ha portato in evidenza il ruolo della taurina, un'ammina con un gruppo f...
mar 19 dicembre 2017
Parliamo di ...