Linee guida per i disturbi del comportamento alimentare

Da ISS e Asl 2 dell’Umbria
Diabete curato via web

Il documento affronta la gestione di disordini con manifestazioni spesso opposte ma legati da un’eziologia multifattoriale comune. Numerosi elementi psicopatologici concorrono all’insorgenza di questi disturbi, siano essi l’anoressia, l’obesità o la bulimia, o forme incomplete o transitorie.

Si calcola su 100 ragazze adolescenti, 10 soffrano di un disturbo legato all’alimentazione. Di queste, almeno 2 di una forma grave. La difficoltà nel riconoscere la presenza dei disturbi è spesso determinata da una tendenza delle persone affette a nascondere inizialmente il disordine, e ritardare l’intervento di uno specialista.

In Italia si assiste ad un aumento della diffusione dei disturbi del comportamento alimentare, con una tendenza sempre più elevata tra il sesso femminile, ma non delle forme più classiche – anoressia, bulimia – ma di forme più lievi e miste.

La nuova pubblicazione contiene precise indicazioni per la conduzione di studi epidemiologici, per le strategie di prevenzione dei disordini e sui modelli organizzativi per la loro gestione.

Complessivamente, questi elementi rappresentano un prezioso strumento di riferimento per i medici di medicina generale e specialistici, in quanto costituiscono l’opera più aggiornata sul tema dei disordini del comportamento alimentare nel nostro paese.

Bigliografia :

Fonti :

sab 10 novembre 2012
VEDI ANCHE

obesi saniBattere il peso, la soluzione negli interventi combinati

La combinazione di interventi comportamentali e alimentari assicura un miglioramento stabile e duratuto
lun 14 maggio 2012
app nutrizionistaAPP + nutrizionista aiutano a perdere peso

Programma personalizzato per la perdita di peso online per adulti con sovrappeso e obesità: una prova controllata randomizzata.
gio 12 novembre 2020

Parliamo di …
  • Il comportamento alimentare
    Il comportamento alimentare

    Il comportamento alimentare è influenzato da diversi fattori quali: palatabilità del cibo, sensazioni di fame e sazietà, fattori psicologici, genetici…