Geni a dieta

Dieta e polimorfismi del gene FTO

Numerosi studi hanno identificato le varie varianti genetiche associate alla massa grassa e all’obesità (FTO). L’impatto dei fattori dietetici su queste associazioni rimane però poco chiaro.

Lo studio

Lo scopo di questo studio era valutare l’associazione tra i polimorfismi a singolo nucleotide (SNPs) del gene FTO, l’assunzione giornaliera di macronutrienti e l’obesità e le sue conseguenze metaboliche.

Da 1549 soggetti caucasici di origine polacca, genotipizzati per gli SNP FTO (rs3751812, rs8044769, rs8050136 e rs9939609), i ricercatori hanno incluso 819 soggetti per l’analisi dell’interazione gene-dieta.

I ricercatori hanno sottoposto i partecipanti alle misurazioni antropometriche e hanno determinato il ​​contenuto e la distribuzione del grasso corporeo totale, la concentrazione di glucosio nel sangue e di insulina durante il test di tolleranza al glucosio orale (OGTT) e il profilo lipidico.

Hanno poi analizzato l’assunzione di macronutrienti sulla base di registrazioni alimentari di tre giorni. Hanno valutato i livelli di attività fisica giornaliera utilizzando l’International Physical Activity Questionnaire Long Form (IPAQ-LF).

Interazione tra polimorfismi e dieta

Questo studio ha rilevato che i portatori del genotipo GG di rs3751812 presentavano peso corporeo, indice di massa corporea (BMI), contenuto totale di grasso corporeo e circonferenza dell’anca e della vita inferiore.

Presentavano inoltre marcatori correlati all’obesità inferiori se più del 48% dell’apporto energetico giornaliero era derivato da carboidrati.

Il contenuto di grasso sottocutaneo e viscerale era inferiore quando l’apporto energetico derivato dai grassi alimentari non superava il 30%.

Risultati simili sono stati osservati per i portatori del genotipo CC rs8050136.

I ricercatori non hanno notato differenze significative nei marcatori di obesità tra i genotipi di rs8044769. Hanno però osservato un impatto significativo delle associazioni dieta-gene. Infatti, il peso corporeo e il BMI erano significativamente più alti nei portatori di genotipi TT e CT se l’apporto energetico giornaliero derivato dai carboidrati era inferiore al 48%. Inoltre, nei portatori di genotipo TT, c’era una maggiore concentrazione di glucosio nel sangue durante il digiuno e durante il test OGTT, se più del 18% dell’apporto energetico totale era derivato dalle proteine.

In conclusione, l’assunzione giornaliera di macronutrienti può modulare l’impatto degli SNP genetici FTO sull’obesità e sulle conseguenze metaboliche correlate all’obesità.

 

Bigliografia : Przemyslaw Czajkowski, Edyta Adamska-Patruno, Witold Bauer et Al.

gio 5 novembre 2020
Condividi su :
VEDI ANCHE
Adiposità e infiammazioneAdiposità e infiammazione
Le proteine plasmatiche correlate all’infiammazione sistemica risultano essere associate ai livelli di adiposità e grasso viscerale.
mar 8 giugno 2021
sugar freeA parità di peso perso, migliore salute metabolica con dieta low-charb
A parità di perdita di peso, le diete a basso contenuto di carboidrati comportano una riduzione delle dimensioni delle cellule adipose rispetto ai reg...
mer 18 dicembre 2019
Parliamo di ...
  • gene e cibo
    Nutrigenetica
    Ambiente e dieta (qualità e quantità) sono i principali fattori che influenzano la salute e la malattia di un individuo
  • DNA e mutazioni
    Quando si analizza il genoma di una persona per trovare una relazione tra i cambiamenti genetici e la predisposizione alle relative patologie vengono ...
  • nutrizione e genoma
    Nutrizione e genoma
    Nutrigenetica e nutrigenomica, due nuove approcci per una nutrizione clinica sempre più personalizzata