Frutta a guscio, una sana abitudine

Buone notizie dai cugini spagnoli
frutta_guscio_obesita

Il raggiungimento di una maggiore longevità deve essere inteso non solo come la massima durata possibile della vita umana, ma anche una maggiore qualità della vita in termini di buona salute.

La genetica contribuisce per il 25% ai cambiamenti che si verificano nell’invecchiamento (fisiologico) e per il restante 75% (invecchiamento epigenetico) ai cambiamenti dovuti a malattie accumulate e fattori ambientali e di stile di vita, come le abitudini alimentari, che sono modificabili.

Gli schemi alimentari sani possono modulare l’aterogenesi direttamente o attraverso un effetto sui classici fattori di rischio come i lipidi plasmatici, la pressione sanguigna e la concentrazione di glucosio nel sangue, tutti associati alla Sindrome metabolica MetS.

Lo studio

Uno studio spagnolo osservazionale, descrittivo, trasversale ha indagato 556 individui non istituzionalizzati tra i 65 ei 79 anni di età.

Per definire la raccomandazione di consumo della frutta a guscio si è seguita l’indicazione del questionario MEDAS-14. La diagnosi di MetS è stata condotta utilizzando i criteri della International Diabetes Federation (IDF).

In 264 soggetti di età pari a 71,9 anni, il 39% dei quali erano uomini, l’aderenza alle raccomandazioni sul consumo di noci è stata del 40,2%. Di questi individui, il 79,5% aveva obesità addominale.

La prevalenza di MetS era del 40,2% (47,6% negli uomini e 35,4% nelle donne).

Un consumo di noci inferiore a quello raccomandato è stato associato a una prevalenza del 19% maggiore di obesità addominale e a una prevalenza del 61% maggiore di MetS rispetto a un consumo di ≥3 porzioni a settimana.

Significato clinico

Data la benefica associazione tra il consumo di una porzione di frutta secca a guscio tre o più volte alla settimana e una minore prevalenza di obesità addominale e sindrome metabolica, sarebbero consigliabili raccomandazioni dietetiche per aumentare il consumo di noci nelle persone anziane.


Bigliografia : Gloria Cubas-Basterrechea, Iñaki Elío, Sandra Sumalla-Cano et al.

mar 22 febbraio 2022
Condividi su :
VEDI ANCHE
chetogenica_cortisoloCancro al colon, consumo di frutta secca e migliore sopravvivenza
Un'analisi osservazionale dello studio CALGB 8903, pubblicata da poco sul Journal of Clinical Oncology.
mar 13 marzo 2018
alzare_hdlCome alzare le HDL
La dieta mediterranea ha dimostrato di migliorare la capacità di efflusso del colesterolo HDL e di aumentare la capacità antiossidante delle HDL.
mar 21 dicembre 2021
Parliamo di ...
  • Fabbisogno in età senile
    Fabbisogni nell’età senile
    Gli anziani sono a forte rischio di malnutrizione; è importante valutare lo stato nutrizionale e seguire un’alimentazione che prevenga le carenze.
  • Aterosclerosi
    Aterosclerosi
    L’aterosclerosi è un’alterazione vascolare causata dall’accumulo di colesterolo nella parete delle arterie, che perdono la loro funzionalità.
  • Il comportamento alimentare
    Il comportamento alimentare
    Il comportamento alimentare è influenzato da diversi fattori quali: palatabilità del cibo, sensazioni di fame e sazietà, fattori psicologici, genetici...