Dopo l’infarto aumenta il rischio di fratture

Dopo l'evento, attenzione alle ossa
Donne di cuore

È uno studio israeliano ad avvertire sull’esistenza di un nuovo tipo di associazione tra patologie cardiovascolari e compromissione della salute ossea. È noto infatti che arterie e ossa invecchiano insieme per opera di meccanismi patofisiologici comuni.

Questa nuova evidenza epidemiologica ha invece avvertito sull’esistenza di un elevato rischio di soffrire fratture da fragilità ossea a seguito di eventi cardiaci

Utilizzando i dati relativi ad un periodo superiore a trenta anni, i ricercatori hanno infatti osservato nei pazienti sopravvissuti ad infarto miocardico un costante aumento nel rischio di fratture osteoporotiche in diversi siti scheletrici – anca, polso falangi e femore.

Una possibile causa di questa associazione sarebbe da ricercare nell’azione di alcuni tipi di farmaci cardiovascolari come eparina, anticoagulanti orali e diuretici capaci di indurre osteoporosi. Inoltre, le combinazioni polifarmaceutiche di cui fanno tipicamente uso questi pazienti per curare le differenti comorbidità aumenterebbero notevolmente la magnitudine dell’effetto deleterio sull’osso.

Lo studio ha evidenziato l’esistenza di una nuova categoria di pazienti, principalmente costituita da anziani donne e individui affetti da più patologie, per la quale si richiedono necessarie misure di prevenzione per le fratture ossee da fragilità. Tra queste, l’attività fisica risulta indispensabile per limitare la perdita ossea e l’indebolimento muscolare responsabile delle cadute.

Per questi individui è inoltre suggerita la costante misurazione della densità minerale e dei livelli dei marker biochimici del turn-over osseo.

Bigliografia :
Fonti :

ven 30 settembre 2011
VEDI ANCHE
chetogenica non per tuttiPerché la chetogenica non è per tutti
Come per qualsiasi trattamento, farmacologico o meno, il KD potrebbe non essere un intervento appropriato per ogni individuo.
mar 21 luglio 2020
peso_cuoreIl peso sul cuore
Per le giovani donne in sovrappeso e obese esiste un aumento del rischio di morte precoce per infarto, ictus e malattie cardiovascolari.
mar 19 ottobre 2021
Parliamo di ...
  • Disordini cardiovascolari
    Disordini cardiovascolari
    I disordini cardiovascolari interessano cuore e vasi sanguigni; sono la principale causa di morte ma alcuni fattori di rischio sono prevenibili.
  • Prevenzione cardiovascolare
    Prevenzione cardiovascolare
    Esistono diversi fattori di rischio cardiovascolari; è quindi possibile intervenire su quelli modificabili per prevenire l’insorgenza di malattia.