Dieta ipocalorica è meglio che più fibre

La perdita di peso migliora A1c nel diabete
Ipocalorica meglio che ricca in fibre

I pazienti con diabete in genere consumano molta meno fibra alimentare rispetto alle linee guida raccomandate. I risultati non dovrebbero essere interpretati nel senso che i pazienti dovrebbero smettere di provare a incorporare più fibre nella loro dieta, anzi.

I ricercatori affermano che l’efficacia dell’aumento dell’assunzione di fibre alimentari per migliorare il controllo glicemico nei pazienti con diabete di tipo 2 è ancora controversa.

Così hanno arruolato 78 pazienti con diabete di tipo 2 presso il loro centro a Roma e hanno tutti ricevuto mensilmente una consulenza nutrizionale su una dieta sana a basso contenuto calorico raccomandata dalle linee guida.

I pazienti sono stati randomizzati in tre gruppi:
– dieta ricca di fibre,
– integratore di fibre
– nessuno dei due (controllo).

A 3 mesi, tutti e tre i gruppi avevano perso una quantità simile di peso e avevano simili cali nei livelli di emoglobina glicata.

Contrariamente all’ipotesi dei ricercatori, tuttavia, l’assunzione di fibre non era associata a livelli di emoglobina glicata migliorati, ma lo era la perdita di peso.

Tale studio ha mostrato che i pazienti con prediabete, diabete di tipo 1 o di tipo 2 dovrebbero aumentare l’assunzione di fibre alimentari di 15 g / giorno o 35 g / giorno.

Verdure, legumi, frutti interi e cereali integrali sono tutte eccellenti fonti di fibre. Un modo pratico per aumentare l’assunzione di fibre è sostituire i prodotti a base di cereali raffinati con cibi a base di cereali integrali.

Gli alimenti ricchi di fibre hanno un indice glicemico più basso, ritardano lo svuotamento gastrico e promuovono la sazietà. Pertanto la loro assunzione apporta ad un minore aumento della glicemia dopo un pasto e quindi aiuta a promuovere un migliore controllo della glicemia.

Meno del 17% dei pazienti ha raggiunto l’assunzione minima raccomandata da ADA di fibre alimentari (> 14 g / 1000 calorie / giorno) e meno dell’1,5% ha soddisfatto l’assunzione minima giornaliera di fibre raccomandata dalle società italiane (> 40 g).

Lo studio

In questo studio, i ricercatori  hanno arruolato pazienti con diabete di tipo 2 che avevano 45-80 anni e avevano una emoglobina glicata (A1c) del 6,5% -8,5% assumendo metformina in monoterapia.

In media, i pazienti avevano 64 anni con un A1c del 7,2%; pesavano 79-82 kg e avevano un indice di massa corporea di 29-31 kg / m2.

Consumavano 1867-2258 calorie / giorno e 17-23 g / giorno di fibra.

Tutti i pazienti hanno ricevuto sessioni di consulenza individuale di 30 minuti con un dietista in studio al basale e ogni 4 settimane.

A quelli del gruppo delle fibre alimentari è stato consigliato di mangiare 35-45 g / giorno di fibre, ad esempio, mangiando verdure a pranzo e cena e cibi come pane integrale e noci.

I pazienti del gruppo con integratori alimentari assumevano un supplemento giornaliero che conteneva quasi 10 g di crusca di frumento e fibra di psillio principalmente insolubili.

A 3 mesi, i pazienti nei due gruppi ad alto contenuto di fibre (ma non quelli nel gruppo di controllo) stavano consumando molta più fibra.

I pazienti di tutti e tre i gruppi avevano ridotto il loro apporto calorico giornaliero e avevano simili cali nei livelli e nel peso di A1c: A1c è sceso a circa il 6,7% a 3 mesi e hanno perso circa 1,6 kg.

Bigliografia : F. Tramontana

mar 14 luglio 2020
Condividi su :
VEDI ANCHE
Aumentare le fibre alimentari per prevenire e contrastare il diabete
Il consumo di alimenti abbondanti in fibre esercita effetti benefici sul controllo delle concentrazioni ematiche di glucosio, insulina e trigliceridi,...
gio 20 ottobre 2011
Fibre alimentari per la prevenzione del tumore mammario
Il consumo di fibre alimentari sembra offrire protezione per il rischio del tumore al seno.
mer 7 settembre 2011
Parliamo di ...
  • Diabete mellito
    Il diabete è una malattia metabolica cronica caratterizzata da un aumento del glucosio nel sangue, dovuto a un deficit di insulina.
  • disordini-endocrini-e-metabolici
    Disordini endocrini e metabolici
    I disordini endocrini riguardano le ghiandole che secernono ormoni; questi disturbi si accompagnano a disordini del metabolismo dei nutrienti.
  • Alimenti funzionali
    Gli alimenti funzionali
    Gli alimenti funzionali migliorano lo stato di salute e riducono il rischio malattia; vengono consumati con la dieta abituale.