Asse intestino – cervello e dimagrimento: la scoperta di una molecola anti-obesità

Che esistesse una comprovata correlazione stretta fra l’asse intestino-cervello e dimagrimento era già alla base degli studi e delle applicazioni cliniche della metodologia Pneisystem, quest’ultima però non ritiene possibile la risoluzione di problemi complessi attraverso l’impiego di singoli farmaci “miracolosi”.
Tuttavia riportiamo per completezza di approccio culturale gli ultimi dati emersi da un recente progetto di ricerca pubblicato su Science Translational Medicine, il quale rivela l’azione di una molecola che, alla luce di quanto emerso, potrà risultare anti-obesità e anti-diabete, in formulazione iniettabile: una puntura e la fame sparisce e insieme a lei i chili di troppo. E’ la promessa contenuta in uno studio pubblicato su Science Translational Medicine. Lo studio, effettuato su primati obesi, ha utilizzato una proteina, il GDF15 (Growth Differentiation Factor) implicata nella regolazione del peso corporeo nei primati e nell’uomo e modificata chimicamente in modo da allungarne l’emivita.

Già da qualche tempo il concreto “sospetto” che GDF15, un lontano parente della superfamiglia del transforming growth factor-beta (TGF-β), fosse un promettente target anti-obesità (oltre ad essere stato implicato in vari campi, dalla cachessia neoplastica, allo scompenso cardiaco, all’insufficienza renale, all’aterosclerosi e al metabolismo), diveniva man mano una certezza, ma il vero problema era riuscire a prolungare l’emivita di questa proteina per renderla un vero e proprio farmaco anti-obesità.

Qual è, più specificatamente, il meccanismo d’azione descritto?

Le proteine ibride GDF15-Fc fusion, una volta iniettate si legano ai neuroni presenti a livello dell’apparato gastro-intestinale (il GDF15 ha dunque un ruolo di mediatore importante nel cosiddetto gut-brain axis), che inviano segnali all’area postrema del cervello, a sua volta implicata nel controllo dell’appetito e nella regolazione dei gusti alimentari. I topi ai quali è stata somministrato questo candidato farmaco hanno mostrato un rallentato svuotamento gastrico (il cibo permaneva nello stomaco il doppio del tempo normale), che aumentava il loro senso di sazietà; ma la proteina taglia-fame è risultata soprattutto in grado di modificare le loro preferenze alimentari, facendoli virare verso scelte alimentari più salutari.

Ulteriori studi hanno evidenziato inoltre che il GDF15 si lega con elevata affinità ad un particolare recettore orfano, il GFRAL presente nei neuroni dell’area postrema e nel nucleo del tratto solitario nei topi e nell’uomo; a dimostrarlo l’indotta delezione genetica di questo recettore, che ha portato alla cancellazione della capacità del GDF15 di ridurre l’appetito e il peso nei topi. Anche il GFRAL risulta quindi essere un importante regolatore del peso corporeo, mediando gli effetti metabolici del GDF15, e questo aspetto amplia il filone di ricerca del GDF15, consentendo di proseguire con promettenti aspirazioni la ricerca appena descritta.

Alla luce di quanto descritto, la metodologia Pneisystem seguirà gli sviluppi in merito al GDF15, ma nella pratica clinica da sempre evidenzia quanto tener conto della salute intestinale e il suo ruolo nella stimolazione di molecole strettamente connesse al buon funzionamento del metabolismo sia la vera strategia terapeutica vincente. Inoltre, proprio in virtù della sinergia fra i sistemi endocrino, immunitario e nervoso, non ritiene come anticipato all’inizio del presente articolo, che un solo principio attivo/molecola/farmaco possa in modo miracoloso controllare la complessità dei fenomeni alla base della patologie croniche, e in questo caso dell’obesità, nota come risultanza di un’ampia serie di fattori.

La PneiSystem Academy ha come mission la divulgazione del concetto di terapia incentrata su 4 pilastri fondamentali:
– Ottimizzare le risorse psichiche attraverso l’apprendimento delle tecniche più moderne di gestione dello stress.
– Insegnare come compilare una dieta personalizzata in chiave antiossidante e antinfiammatoria
– Potenziare l’asse psico-immunologico attraverso il movimento, in particolare la danza (Pneisystem Equilibrium Dance)
– Saper selezionare i migliori integratori/ fitoterapici/nutraceutici/principi della low dose medicine e comporre un piano terapeutico centrato sulla persona.

Per informazioni più dettagliati sulla metodologia Pneisystem e sul Master in Pnei e Pneisystem, contatta l’Academy  al n. 3276626977 o tramite mail all’ indirizzo info@pnei4u.com.

Bigliografia :

Fonti :

mar 24 ottobre 2017
VEDI ANCHE
Parliamo di …