Abbassare gli zuccheri previene l’ictus

Una revisione
Abbassare gli zuccheri previene l’ictus

Il 29 ottobre ricorre la giornata mondiale dell’ictus cerebrale.

L’ictus ha raggiunto proporzioni epidemiche. A livello globale, 1 adulto su 4 di età superiore ai 25 anni rischia un ictus nel corso della sua vita. 12,2 milioni di persone in tutto il mondo avranno il loro primo ictus quest’anno e 6,5 milioni moriranno di conseguenza. Oltre 110 milioni di persone nel mondo hanno avuto un ictus. L’incidenza aumenta significativamente con l’età, tuttavia oltre il 60% degli ictus si verifica in persone di età inferiore ai 70 anni e il 16% in persone di età inferiore ai 50 anni.

Uno dei principali fattori di rischio clinico per l’ictus è l’ipertensione a causa dell’aterosclerosi. Ci sono molti altri fattori di rischio, tra cui l’uso di tabacco, inattività fisica, dieta malsana, uso dannoso di alcol, fibrillazione atriale, livelli elevati di lipidi nel sangue, obesità, predisposizione genetica, stress e depressione.
A livello di alimentazione, è ben dimostrato che seguire una dieta mediterranea non solo riduce il rischio di ictus, ma anche è utile negli adulti post-ictus in quanto riduce molti dei fattori di rischio.
Ad ogni modo, le prove scientifiche relative all’associazione di una dieta a basso contenuto di carboidrati (LCD) con il rischio di ictus sono limitate.

Lo studio

Lo studio ha incluso 19.850 partecipanti di età ≥50 anni senza storia di ictus al basale nel Guangzhou Biobank Cohort Study. Il punteggio LCD è stato calcolato in base alla percentuale di energia assunta da carboidrati, proteine e grassi (intervallo 0-30 punti); un punteggio più alto indica una minore assunzione di carboidrati e una maggiore assunzione di grassi e proteine.
Durante un follow-up medio di 13,1 anni, si sono verificati 1661 eventi di ictus e decessi, inclusi 1255 ictus ischemici.
Il secondo quartile, rispetto al quartile più basso dei punteggi LCD (basati su proteine animali), era associato a rischi inferiori per tutti i sintomi di ictus e ictus ischemico. Sono state trovate associazioni non significative tra i punteggi LCD a base vegetale o totali con il rischio di ictus.

Significato clinico

In una popolazione che consumava alti livelli di carboidrati e bassi livelli di proteine e grassi, un livello moderato di LCD di origine animale, ma non di origine vegetale, era associato a un minor rischio di ictus.

Bigliografia : Xiang Jun Wang, Wei Sen Zhang, Chao Qiang Jiang et al.

mar 25 ottobre 2022
Condividi su :
VEDI ANCHE
I grassi trans portano all’ictus
Dai dati del Women's Health Initiative Observational Study, il consumo di acidi grassi trans risulta associato all'evento cerebrovascolare
lun 1 marzo 2010
clima e obesitàDue porzioni di cereali al giorno riducono rischio di morte del 9%
Una revisione dei risultati di 45 studi, appena pubblicata dal British Medical Journal, discute e puntualizza i risultati di un articolo pubblicato du...
gio 16 giugno 2016
Parliamo di ...
  • Aterosclerosi
    Aterosclerosi
    L’aterosclerosi è un’alterazione vascolare causata dall’accumulo di colesterolo nella parete delle arterie, che perdono la loro funzionalità.
  • Disordini cardiovascolari
    Disordini cardiovascolari
    I disordini cardiovascolari interessano cuore e vasi sanguigni; sono la principale causa di morte ma alcuni fattori di rischio sono prevenibili.
  • Prevenzione cardiovascolare
    Prevenzione cardiovascolare
    Esistono diversi fattori di rischio cardiovascolari; è quindi possibile intervenire su quelli modificabili per prevenire l’insorgenza di malattia.